social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

TENTATE LA FORTUNA! Questo Natale potreste avere regali extra! 3 giveaway con cartacei ed ebook!

21 ottobre 2014

RECENSIONE - Le ombre della Dea. Sovrastare il Destino di Emanuele Velluti

Titolo: Le ombre della Dea - Sovrastare il Destino.
Autore:  Emanuele Velluti
Editore: Self-Publishing


Le ombre della Dea è un fantasy classico, ambientato in una terra completamente nuova e qui la mia lode all’autore per aver inventato un mondo da zero, con città e caratteristiche particolari, e aggiungo che le cartine sono da apprezzare e belle da vedere, un’ottima scelta inserirle. Il contesto mi ha conquistato, è stato fatto un ottimo lavoro, però a volte si fa fatica a seguire tutti i passaggi proprio perché lo scenario e vasto.

Passando ai personaggi, i protagonisti mi sono piaciuti tutti ho provato una certa simpatia per il quartetto che si è formato: Ankh  ragazzo misterioso e svenevole privo di memoria, il capitano Whitemore, Akaym il cacciatore e Rhea la studiosa mi hanno entusiasmato.
 Dovendo scegliere Akayn e Rhea sono in assoluto i miei personaggi preferiti. 

Il testo è scritto in modo molto lineare, fruibile per chiunque, forse troppo genuino, quasi come se le parole dalla mente passasse allo scritto senza filtri. Anche i dialoghi sono molto “sciolti” e colloquiali a volte andrebbero un po’ rifiniti e perché no, anche differenziati per esaltare le diverse personalità. 

Le descrizioni grazie allo stile “puro” arrivano immediate e apprezzo il non censurare il sangue laddove occorre un po’ di sangue. Mi è rimasta impressa la scena del taglio mani, una crudezza di immagini che in fin dei conti non pesa.

L’autore ha fantasia, un immaginario chiaro e uno stile adatto a tutti i lettori però, mi spiace tanto, il fantasy classico non è il mio genere e questo forse è il terzo che leggo e il secondo che propone una rielaborazione dei conflitti nati dalla religione. Una religione dittatoriale che stermina gli altri credo. Potrei dire una trasposizione fantasy delle vicende reali. No?

Le scene sono vivide, l’avventura non manca e neanche la lotta e le battaglie, ma che posso dire? Questo romanzo non mi ha coinvolto, semplicemente per una questione di gusti anche se ho adorato i personaggi.

Consiglio questo libro agli amanti del genere fantasy, nonostante il mio voto sia intermedio.
Credo che Le ombre della Dea possa piacere e riservare sorprese agli appassionati del genere.



❤❤❤

TRAMA

Come se partorito dal mare, un misterioso ragazzo dai capelli bianchi, viene trovato naufrago su di una spiaggia. Privo di qualsiasi memoria di sé o del mondo, capirà presto di essere braccato da un oscuro passato che reclama il suo nome. Sarà costretto a fuggire, ma alcuni compagni si uniranno a lui, ed insieme vedranno il mondo cambiare per sempre… La nebbia avvolgerà ogni cosa... Esiste una realtà che non è visibile agli occhi, parole che orecchie non possono udire, essenze che l'olfatto non comprende, onde che le dita non riescono a infrangere, noi ne siamo parte e assaporiamo ogni giorno la gioia del mondo che tutti credono non esista.
LE OMBRE DELLA DEA (sovrastare il destino)
 photo signature_1_zpsb460c04b.gif

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ