social


http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

12 dicembre 2017

RECENSIONE - La donna silenziosa Debbie Howells | Newton Compton Editori

Nella mia "fase thriller" rientra anche La donna silenziosa di Debbie Howells edito Newton Compton Editori.

Anticipo subito che il romanzo nel complesso mi è piaciuto, ha una piccola nota originale e, nonostante la partenza poco vigorosa, ha saputo catturare la mia attenzione, anche se non è privo di punti deboli. 

Rosie è la ragazza scomparsa che mette tutto in moto, una delle voci di questo thriller, e a inizio lettura, in pratica, si sa già quale sia la sua sorte, facendo dissolvere immediatamente uno degli interrogativi posti dalla trama.
Questa "rivelazione" provoca in partenza un calo di tensione anche se a favore di un approfondimento psicologico. Grazie al POV di Rosie si viaggia tra passato e presente in modo molto particolare perché il suo punto di vista è onnisciente e si sposta in modo tale da consentire al lettore di capire cosa ci sia dietro una famiglia apparentemente perfetta (questa è la nota originale che non posso illustrarvi ulteriormente per non cascare in spoiler).
Uno dei  temi del romanzo è proprio l'apparenza; ciò che luccica potrebbe essere sì un cristallo pregiato ma anche uno stupido vetro.  

L'altra protagonista de La donna silenziosa è Kate, una donna comune, con un lavoro banale, ma che si improvvisa detective ed è proprio in lei che ho trovato più note dolenti. 
Kate sembra ossessionata da Rosie, un attaccamento che risulta quasi morboso a inizio libro e che mi ha fatto pensare ci fosse una motivazione particolare per questo legame, una motivazione che alla fine non ho trovato. Inoltre, per quanto Kate possa sembrare un personaggio positivo, io l'ho vista come una di quelle donne che tendono a impicciarsi e inserirsi in situazioni che potrebbero benissimo tenere a distanza, quasi come la pettegola di condominio.
Kate ha una vita tranquilla, fortunata, semplice, e va complicandosela improvvisandosi investigatore privato e assistente sociale, e questo perché? Per una ragazza che l'aiutava con i cavalli e l'ha incuriosita? Io questa base l'ho trovata poco solida. 

Cosa mi ha spinta nella lettura? Capire cosa celasse la sorella di Rosie, che fine avrebbe fatto il colpevole, e se Kate sarebbe tornata alla sua tranquillità. Uno dei personaggi che mi ha affascinato è la madre di Rosie, una donna che pare frantumata in mille pezzi, alcuni nascosti sotto un immaginario tappeto.

Complice della piacevole lettura è lo stile dell'autrice che risulta semplice e scorrevole.
La donna silenziosa è un thriller che si legge volentieri, dal ritmo pacato. 

Lo consiglio? Sì, ma dipende molto dal genere di thriller che si intende leggere, perché se si è in cerca del classico libro dall'atmosfera ansiogena, che fa sorgere tanti interrogativi e che presenta spesso anche crudezza e sadismo, questo non è il romanzo giusto; ma se cercate un dramma nella quotidianità, che ponga al centro la mente umana, che non vi scuota troppo, allora La donna silenziosa è giusto per voi. 


TRAMA
undefined
Quando Rosie Anderson, una ragazza di appena diciotto anni, scompare, la cittadina idilliaca dove viveva non è più la stessa. Kate, la giardiniera del posto, è scossa e tormentata dal senso di colpa. Conosceva bene Rosie e, negli ultimi tempi, forse era arrivata a conoscerla anche meglio della madre. Rosie era bella, buona e gentile. Veniva da una famiglia amorevole e aveva tutta la vita davanti a sé. Chi avrebbe mai voluto farle del male? E perché? Kate è convinta che la polizia non stia valutando tutti gli indizi. Di sicuro qualcuno in paese sa più di quel che dice. Via via che le ricerche del colpevole vanno avanti, Kate è sempre più ossessionata dalla soluzione del mistero…

1 commento:

  1. Mi piace come hai posto la recensione di questo romanzo, di come la follia si sia insinuata nella quotidianità, non l'ho ancora letto ma mi aveva attratto grazie alla cover.. ora dopo la tua recensione lo prendo volentieri!

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ