social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

19 maggio 2015

BLOGTOUR - Alice from Wonderland Tappa 11: Intervista all'autrice Alessia Coppola

Salve amici peccatori, è ora dell'Intervista con Alessia Coppola e la sua Alice... ma prima ricordo le tappe del blog tour di cui Peccati di Penna ospita la numero11.



1) Segnalazione con estratto - mercoledì 29 aprile;
2) Personaggi principali - venerdì 1 maggio;
3) Struttura dei capitoli - domenica 3 maggio;
4) Chi e cosa ha ispirato il romanzo - martedì 5 maggio;
5) Camei. Alla scoperta degli ospiti d'eccezione - giovedì 7 maggio;
6) Ambientazioni - sabato 9 maggio;
7) Conosciamo Algar - lunedì 11 maggio;
8) Perché Nikola Tesla? - mercoledì 13 maggio;
9) Le due "Alice" a confronto - venerdì 16 maggio;
10) La magia in Alice - domenica 17 maggio;
11) Intervista all'autrice - martedì 19 maggio;
12) Recensione dell'opera I II II- giovedì 21 maggio;
13) Un tè con Alessia. Video Intervista all'autrice - sabato 23 maggio;
14) Svelata la colonna sonora del booktrailer - lunedì 25 maggio;
15) Lancio del booktrailer - mercoledì 27 maggio;
16) Chi è in realtà il Cappellaio? Intervista al volto di Edmund - venerdì 29 maggio;
17) Estrazione del vincitore del blogtour che si aggiudicherà una copia autografata - lunedì 1 giugno.



Alessia Coppola è una blogger, illustratrice e scrittrice pugliese.
Dopo aver frequentato il liceo artistico della sua città, Brindisi, ha proseguito gli studi presso la Facoltà di Beni Culturali, per poi trasferirmi a quella di filosofia e ancora in sociologia con indirizzo criminologia. Durante gli anni dello studio, si è dedicata alla scrittura, pubblicando nel 2005 Pensieri nel Vento, raccolta di poesie edita da Kimerik Edizioni. Nel 2009 è venuta alla luce la seconda raccolta di poesie Canto di Te per Damiano Edizioni. Dal 2009 a oggi ha collaborato attivamente con editori, blog e riviste, come articolista e illustratrice. Nel 2012 è stata la volta di Le Avventure di Billino lo Stregatto pubblicato da Wip Edizioni, una favola moderna per bambini, corredata da illustrazioni.
Nel Natale 2014 verranno alla luce due raccolte di fiabe per l’infanzia. La prima, Coccole d’Inchiostro, per Parco Multimedia Edizioni e l’altra Tre Gemme nello Scrigno per Balsamo Edizioni.
Nel febbraio del 2015 per conto di Edizioni il Ciliegio uscirà una raccolta di racconti gotici/horror/steampunk, dal titolo Oltre lo Specchio. Sempre per la stessa CE, nel novembre del 2015 verrà pubblicato un breve romanzo Fantasy per l’infanzia, dal titolo Eleanor e il Principe delle Ninfee.
Per la Casa Editrice Dunwich, l’autrice pubblicherà presto altre opere.


Ciao Alessia, benvenuta e grazie per aver scelto Peccati di Penna per il tuo blog tour!  
Ciao Ornella, grazie infinite per avermi ospitato nel tuo blog.




http://erelneah.wix.com/alessiacoppola
Sei indubbiamente una mente creativa, un’artista, quando hai iniziato a sviluppare i l tuo talento come illustratrice e quando quello di scrittrice?

Credo che queste mie propensioni si siano sviluppate naturalmente e siano cresciute con me. Anzi, credo che io sia cresciuta grazie all'arte, forgiata dalla bellezza e folgorata dalla luce dell'ispirazione. Ho iniziato a disegnare e a scrivere dal momento in cui ho impugnato in mano una matita. Ho scritto le prime poesie a sei anni e dipinto la prima tela a undici.
Ho sempre scritto e disegnato, senza avere consapevolezza di me. Sognavo di fare la scrittrice sì, ma non mi aspettavo che avrei sul serio intrapreso questo percorso.
A livello professionale, faccio l'illustratrice da circa sei anni. Per quanto riguarda la scrittura, invece, ho pubblicato i primi scritti a diciassette anni. Tuttavia, mi sento "scrittrice" solo da un anno a questa parte. La mia amata Dunwich mi ha concesso la possibilità di essere letta e mi sta facendo crescere. Devo a loro ciò che sono ora.


Ti piace occuparti personalmente delle tue cover? Hai mai pensato di affidarti a qualche collega digital-artist?

Mi piace realizzarle da me. So cosa ho scritto, cosa voglio vedere. Penso che nessuno meglio dell'autore stesso possa tradurre in immagine la propria storia. Fino a ora sono sempre stata io a realizzare le mie cover, ma non mi dispiacerebbe che fossero anche altri artisti a farlo. Infatti, ho affidato la veste grafica di un mio racconto a un artista e collega che stimo molto. Credo che presto vedrete questa nuova cover.


Mi par di notare tu sia molto appassionata al mondo di Alice, come mai questa attenzione al Paese delle Meraviglie? Qualche ricordo da bambina o c’è altro?

Alice è la mia infanzia, la mia ossessione, una parte di me. Mia madre mi chiamava Alice da bambina, perché avevo sempre la testa tra le nuvole. Tuttavia, in realtà non sono tanto legata a lei, quando al Paese delle Meraviglie. Quando ero piccola sognavo questo mondo impossibile, tanto da crederlo reale.


Cosa ti affascina di più di Wonderland? La fantasia, la follia, lo scenario?

Disponibile su amazon.
Tutti questi aspetti, in realtà. Mi affascina la possibilità di essere ovunque, di toccare e vedere cose che nella realtà non potremmo vedere. Mi sono persa innumerevoli volte tra gli scenari immaginari di un Paese delle Meraviglie che era solo mio. Mio e della piccola Alice che albergava nel mio cuore. E poi la follia... quale sognatore non è prima di ogni altra cosa, un folle?


Quando hai iniziato a scrivere Alice from Wonderland? Quanto hai impiegato e quanto è stato difficile svilupparne i contenuti?

L'idea di Alice era in mente da tempo, ma non l'ho mai sviluppata fino a quando in un baleno non mi era venuta l'idea di proporla al mio editore. Dieci minuti per buttare giù la trama e due mesi e mezzo per la stesura. Alice è nata da sé. Sapevo cosa scrivere perché era lei a raccontarmi la sua storia. I miei personaggi sono vivi, in quanto tutti recessi della mia mente. Non ho trovato particolari difficoltà, nemmeno durante la documentazione storica. Scrivere questo romanzo è stata una vera avventura, un sogno. E quando ho scritto la parola fine, ho pianto. Avevo perso un motivo per sognare Wonderland. Per questo ho scelto un secondo finale, perché la storia potesse avere una continuazione ed essere infinita.


Sei soddisfatta del risultato finale o cambieresti qualcosa del tuo romanzo?

Sì, sono soddisfatta. Forse, col senno di poi mi dedicherei di più alla cura e alla caratterizzazione di alcuni personaggi o ne inserirei di altri. Non lo so. Il tempo a disposizione per scrivere Alice è stato relativamente breve. Ma nel complesso sono molto soddisfatta e sono felice che i lettori la stiano amando. Mi sento appagata e felice. Alice è il mio riscatto.

Cosa accadrebbe se Alice varcasse la dimensione di Wonderland?
Quanto labile diverrebbe il confine tra lucidità e follia?
Una strega, un sortilegio e un libro sono il principio di tutto.
Alice non è più la bambina sprovveduta che vagheggiava tra labirinti di carte.
È una giovane innamorata, alla ricerca della propria identità.
Per trovarla viaggerà nel tempo e oltre il tangibile.
Scrittori, scienziati, circensi e matti sono i suoi compagni in uno straordinario viaggio verso una meta impossibile.
Sottomondo non è mai stato così sopra.
Che la magia abbia inizio, la tana del coniglio vi aspetta.

La trama ci parla di una Alice giovane e innamorata, ci sarà qualche triangolo? Qualche amore tormentato? Puoi svelarci qual è l’oggetto di questo amore? Magari uno dei personaggi che troviamo nella tappa su Le passioni di Brully?

L'amore in questo romanzo ha grande peso. Alice è innamorata, ma anche confusa. Ama due dei personaggi che troverete nel romanzo. Li ama in egual misura. Eppure ne sceglie uno, spinta forse dal corso degli eventi. L'amore in questo romanzo è tormentato, folle, romantico, desiderato. Mi piace scrivere l'amore, per proiettare quel desiderio che pulsa in me. È giusto che i miei personaggi vivano quell'amore assoluto che tutti cerchiamo, io per prima.
Alice è contesa tra il suo amato Cappellaio e... scopritelo voi. Sono certa che sarete indecise quanto lei.


C’è un passaggio del romanzo a cui sei particolarmente legata? Se sì per quale motivo?

Sono legata a molti passaggi del mio romanzo, perché quando scrivo riverso me stessa, il mio vissuto, il mio dolore. Tutti sono frammenti di me e difficile sarebbe sceglie.
Apro le pagine a caso e te ne riporto uno:


Quando le luci si spegnevano e le palpebre si chiudevano per attraversare le frontiere del sonno, lui e io passeggiavamo alle spalle del laboratorio, facendoci carezzare le ginocchia dagli alti fasci di grano. La luna in Colorado era immensa, sferica e chiara, come mai l’avevo vista in Inghilterra. Era il sigillo di un bacio tra la terra e la notte. Il cielo era sgombro da nuvole, cosi come la mia testa, libera da ogni pensiero. Non pensavo a nulla, non avrei potuto, stretta tra le braccia di Edmund. Quando il cuore parla, tutto il resto tace, persino la mente. La volta celeste era velata di stelle che mostravano il loro volto, il loro mito, il loro bagliore. Tutto si compiva sotto i nostri occhi, stregati dall’incanto segreto della Natura. La notte suonava per noi, un motivo sospeso su note senza tempo. Solo i nostri cuori, assorti com’erano l’uno nell’altro, potevano percepire la perfezione di quella musica inudibile per altri, ma quasi assordante per noi. Tutto ci turbinava attorno e, nel fragore di quella danza di carezze e lusinghe, ci trovavamo ogni mattina, svegliati dal sole, tra i campi di grano. Perdevamo la cognizione del tempo. In fondo, quando si ama, l’orologio conta solo i battiti del cuore, che diviene un cronometro perfetto di istanti introvabili.

Come è stato il tuo percorso verso la pubblicazione con Alice from Wonderland? Come mai non hai scelto il Self-Publishing?

Prima ancora di scrivere Alice sapevo che sarebbe stata nelle mani della Dunwich. L'ho scritta per loro, in fin dei conti. Ho provato il self-publishing in passato e non sono stata del tutto soddisfatta. Avere un editore che crede in te e ti sostiene nei momenti bui, non ha prezzo. Ho bisogno del loro supporto, di sentirmi a casa. Dubito che sceglierò il self in futuro, se non per altri generi. Per gli scritti di genere fantastico ho scelto la Dunwich e manterrò questa scelta.


Ci sarà un seguito per Alice? O hai altri romanzi in cantiere?

Ho moltissimi romanzi in cantiere e sì, suppongo verrà alla luce anche il seguito di Alice. Non saprei dire quando, però.



Alessia ti ringrazio di cuore per aver risposto alle mie domande, soprattutto a quella sull’amore perché ero davvero curiosa!

Grazie a te. Come sempre sono lieta di essere tua ospite.
Un saluto a tutti i tuoi lettori.
-La tana del Coniglio vi aspetta-



Cari peccatori non vi resta che varcare la soglia di Wonderland e seguire le altre tappe! Buone letture.

4 commenti:

  1. Grazie per avermi ospitato. <3

    RispondiElimina
  2. Bellissima intervista. ... ma scoprire che ci sarà (forse) un seguito fa accrescere la.voglia d averlo tra le mani, x chi non lo avesse ancora letto... fatelo è un libro a dir poco bellissimo! !! Elija...

    RispondiElimina
  3. Alessia sei bravissima con le cover *^*
    spero di avere fra le manine il tuo romanzo!

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ