social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      https://4.bp.blogspot.com/-kpV7lPzLDPg/Wa6R8QW920I/AAAAAAAAOhs/-wTTOHjB1PU_Kj8p9t58BoFsNwavUmGSQCKgBGAs/s200/info.png

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 6 tag foto 4 tag foto 7

19 maggio 2021

SERIE TV - Tenebre e Ossa | Netflix

Foto da Netflix

Tenebre e Ossa, la serie TV tratta dai romanzi di Leigh Bardugo, è una serie fantasy con ambientazione fittizia ma ispirata alla cultura russa ai tempi degli Zar. In questo mondo esiste la magia, alcuni sono dotati di poteri, la situazione è simile a quella più contemporanea degli X-Men. I maghi, o in questo caso, i Grisha, sono venerati, apprezzati o temuti, e in passato perseguitati un po’ alla “Salem”. Ai bambini viene effettuato un test per sapere se hanno sangue Grisha nelle vene e in caso di responso positivo trasferiti in un palazzo dove addestrati e educati al potere. 

Guarda The Making at the Heart of the World.  Episodio 3 della stagione 1.

La protagonista, Alina, è orfana, da bambina ha “evitato” il test per restare accanto al miglior amico Mal e questa amicizia è parte fondamentale della serie. Alina e Mal sono legati da un affetto e una tenacia inestimabile. 
 
 Guarda A Searing Burst of Light.  Episodio 1 della stagione 1.

Caratteristica del mondo in cui ci muoviamo è un enorme nube di magia nera che divide il territorio in due, attraversarla è molto complesso e servono dei Grisha per percorrerla e non venire ammazzati dalle creature che vi abitano. I protagonisti si trovano sul mezzo che attraversa la nube nera, come al solito a scatenare il putiferio è una grande ca**ata. la Grisha responsabile dice di non accendere luci e la prima cosa che l’idiota di turno fa è proprio accendere una lampada… queste scelte io le odio, le reputo molto stupide per innescare la storia soprattutto quando si verificano in modo così plateale. Comunque, Alina, ovviamente, è speciale e se ne accorgono proprio nel momento di pericolo. 
 
 Guarda The Unsea.  Episodio 7 della stagione 1.
 
La protagonista è peculiare in tutto e per tutto sia come origini che come facoltà, ovviamente oltre a essere the special one della situazione è anche un sangue misto facile da scovare… qualcos’altro? Mettiamole un segnale luminoso sulla testa a questo punto… ah no…

L’antagonista il generale Kirigan si scoprirà man mano, non è cattivo perchè cattivo ma ha una sua profondita e resta sempre ambiguo, lui ha il dono dell’oscurità e suo padre pare abbia creato la piaga nera che divide il paese. PARE. 
 
 Guarda We're All Someone's Monster.  Episodio 2 della stagione 1.

L’enorme chiazza nera sterile che deturpa il mondo è solo una parte del problema perché nella storia vi sono anche fazioni politiche che influenzano parzialmente la storia.
 
Oltre Alina, Mal e Kirigan (e ringrazio non ci sia il triangolo), vi è un gruppo di personaggi, i corvi, che pare avere una storyline indipendente ma che poi si fonde perfettamente a quella di Alina.
 
 Guarda Show Me Who You Are.  Episodio 5 della stagione 1.
 
Kaz è un malvivente con un club di gioco d’azzardo nonché trafficante di opere d’arte che accompagnato dal fidato Jasper e una specie di donna ninja (spettacolare) cerca Alina per concludere un affare. Penserete, che altro potrebbe esserci? Ebbene c’è una terza storyline, quella che si concentra su due personaggi secondari, una Grisha e un cacciatore di streghe Grisha, Nina e Matthias hanno una carica sensuale assurda, sin dalle prime scene, certo il loro rapporto è molto affrettato ma nonostante questo difetto io l’ho trovato molto accattivante. 
 
Guarda Il cuore è una freccia.  Episodio 6 della stagione 1.

Devo dire che l’ambientazione e la fotografia sono spettacolari, i personaggi ben caratterizzati, davvero tutti peculiari. La storia parte lentamente ma non annoia, ci vuole un po’ per capirne i meccanismi, anche perché per chi non ha letto i libri i termini come Grisha e affini sono nuovi e a freddo colgono impreparati.

Consiglio la serie? Sì.

Sottolineo, non ho letto i libri, quindi sono una spettatrice ignare delle differenze e che quindi si è goduta solo la serie non pensando alle eventuali mancanze.
 
Spero presto in una seconda stagione.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ