social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      https://4.bp.blogspot.com/-kpV7lPzLDPg/Wa6R8QW920I/AAAAAAAAOhs/-wTTOHjB1PU_Kj8p9t58BoFsNwavUmGSQCKgBGAs/s200/info.png

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8

4 maggio 2021

REVIEW PARTY - The Green Monkeys di Mauro Garofalo | Mondadori


The Green Monkeys di Mauro Garofalo si concentra essenzialmente sulla contrapposizione tra città e natura ed è presente un forte riferimento al parkour e anche qui se ci pensiamo troviamo un parallelismo con il comportamento animale nelle foreste, guarda caso io lo associo proprio alle scimmie che si muovono ta gli alberi agevolmente. 


Lo stile dell’autore si basa più sulla narrazione che sull’azione, il contrario dello show don’t tell, infatti l’impatto è stato quello di leggere un enorme spiegone dove i personaggi sono in ombra e infatti anche i dialoghi scarseggiano. Sun è la protagonista e la sua storia, anzi la storia della sua famiglia veicola parte del romanzo. 
 
L’ambientazione è sia urbana che selvaggia, proprio per sottolineare la duplicità, la divisione, il contrasto tra uomo e natura e c’è una frase che mi è rimasta particolarmente impressa: non possediamo la terra, tutt’al più l’abitiamo. La narrazione è in terza persona, lo stile è semplice ma l’ho percepito freddo, le idee della trama sono interessanti, anche i personaggi hanno un loro perché e una loro profondità, ma il difetto più grande per me risiede nel modo in cui è narrata la storia, avrei preferito meno spiegazioni dirette, più interazioni e scene da cui carpire informazioni.

The Green Monkeys è una piccola avventura guidata da valori e legami, dove l'unione non è data dal sangue ma dalla condivisione.

Adatto a un pubblico giovane, a chi ama le tematiche ambientali e trova affascinane il parkour. 
 
 

Recap in punti.

DOLENTI

🔴 Spiegoni
🔴 Pochi dialoghi
🔴 Ritmo lento

FORTI

🟢 Stile
🟢 Tematiche
🟢 Caratterizzazione


La luce si era appena levata a est quando Sun arrivò sul tetto del grattacielo. La ragazza inspirò, provò a espandere il ki al respiro del mondo, prima alla città e poi, ancora più giù, alle foreste che intrappolavano lo smog. Lì c'era il Muro Verde che girava tutt'intorno a Chersom City. Oltre la cortina dei boschi, dove un tempo sorgevano le vecchie città, adesso c'erano solo rovine: la natura si era ripresa tutti gli spazi. Mentre caricava il calcio laterale, la ragazza avvertì lo spostamento d'aria. Si fermò. Fu allora che li vide. Sette figure che si muovevano in velocità. Cosa stavano facendo? Poi strizzò gli occhi: stavano iniziando a scalare un palazzo?

Sun non può saperlo, ma quell'alba non sarà solo l'inizio di un nuovo giorno per lei. Quello che accadrà da lì in poi - l'incontro con Monkey e le sue Scimmie, traceur che paiono volare da un grattacielo all'altro, la scoperta del tradimento e dei piani di conquista del fratellastro Kobe e lo svelamento del proprio destino - farà esplodere la campana di vetro sotto la quale si era rifugiata fino ad allora. Per la prima volta, i suoi occhi vedranno tutto con chiarezza e quel che osserveranno sarà l'inevitabilità dello scontro imminente tra la classe politica avida e arrogante della sua città, che ancora si ostina a considerare la natura "al servizio" della metropoli (e che ha dimenticato le conseguenze degli errori commessi dalle generazioni passate), e un gruppo di giovani ribelli, le Scimmie, disposti a tutto pur di difendere la foresta in cui sono cresciuti e l'idea di una convivenza possibile tra questa e la città. E a quel punto Sun, tenace e determinata come i fili verdi nei prati, i germogli che crescono spontanei nei campi, le erbacce agli angoli delle strade, non potrà più stare in disparte a guardare.




Testo fornito dall'editore

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ