social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      https://4.bp.blogspot.com/-kpV7lPzLDPg/Wa6R8QW920I/AAAAAAAAOhs/-wTTOHjB1PU_Kj8p9t58BoFsNwavUmGSQCKgBGAs/s200/info.png

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7

26 settembre 2017

RECENSIONE Review Party - Cuore Oscuro di Naomi Novik | Mondadori

Benevenuti al Review Party dedicato a Cuore Oscuro di Naomi Novik, questà è la terza recensione e trovate le altre, o le troverete, su... Words of Books, L'ennesimo book blog, Dolci e parole, Emozioni di una musa.

Cari peccatori amanti del fantasy oggi vi parlerò di Cuore Oscuro (ma va, non si era ancora capito.) Questo romanzo di Naomi Novik si sviluppa un po' come le classiche fiabe, abbiamo re e reami, magie, eroi, antieroi una torre (sì c'è anche una torre) e il villain che in questo caso è un po' più complesso... tipo un bosco!
Cioè, immaginate di dover combattere contro un bosco che sembra potervi "inghiottire" da un giorno all'altro... beh, viverci accanto non sarebbe proprio la pace dei sensi, ma quando c'è un mago di nome DRAGO (non che ispiri fiducia con questo nome) a proteggere baracca e burattini, allora che problema c'è?
No, in realtà i problemi ci sono, prima di tutto ogni dieci anni bisogna pagar pegno: una ragazza di diciassette anni, che in questo caso è la cara protagonista Agnieszka. 
Agnieszka  è il prototipo della ragazza super goffa, non bella, che non sa fare niente ma che alla fine riesce in tutto ciò che le vien davanti anche se non sa come. Può sembrare strano ma a me l'incapacità di questa ragazza me l'ha resa simpatica, almeno finché non ha incominciato a fare più di quello che il suo personaggio potesse fare... cioè l'eroina a cui, alla fine, va tutto bene. Il Drago, dal canto suo, nel trattare in modo rude Agnieszka mi era anche simpatico, i due insieme formavano un duo tragicomico che per le prime pagine mi ha intrattenuto piacevolmente.  Sono due personaggi vivi in cui ci si può immedesimare: da un lato l' imbranata, dall'altro l'impaziente scostante.
Per quanto riguarda il bosco è un mondo a parte, la sua esistenza è un'intera storia. Ho avuto l'impressione che questo romanzo fosse un quadro formato da tanti tasselli per un unica immagine sapientemente dipinta.
Quando la situazione inizia a complicarsi, a dilungarsi anche, qualcosa in me si spegne, non ho trovato lo stesso tono fresco dell'incipit e questa mancanza, oltre alla gran mole di descrizioni che caratterizzano lo stile dell'autrice, mi ha un po' rallentata nella lettura. 
Lo stile per me è anche troppo descrittivo: per una scena in cui lei deve compiere un'azione, se non erro, si susseguono almeno tre pagine di parole e... oddio questo può piacere come no. Io sono per i testi più diretti. 
La storia è ben strutturata, ricca di eventi, il testo ben scritto, è un prodotto fantasy riuscitissimo, a mio parere, anche se una parte di me non ha potuto apprezzarlo completamente non posso negarne il pregio.

TRAMA

Agnieszka è una contadina diciassettenne goffa e sgraziata che vive insieme alla famiglia in un piccolo villaggio del regno di Polnya. Su tutti loro incombe la presenza maligna del Bosco, che sta progressivamente divorando l'intera regione. Per mantenere al sicuro se stessi e i loro villaggi dalle minacciose creature del Bosco e dai sortilegi mortali che lì si compiono, tutti gli abitanti della valle si affidano a un misterioso e solitario mago noto con il nome di Drago. Quest'ultimo sembra l'unico, infatti, in grado di controllare con la sua magia il potere imperscrutabile e oscuro del Bosco. In cambio della sua protezione, però, l'uomo pretende un tributo: ogni dieci anni avrà la possibilità di scegliere una ragazza tra le diciassettenni della valle e di portarla con sé nella sua torre. Un destino a detta di tutti terribile quasi quanto finire nelle grinfie del Bosco. Con l'avvicinarsi del giorno della scelta, Agnieszka ha sempre più paura. Come tutti dà infatti per scontato che il Drago non potrà che scegliere Kasia, la più bella e coraggiosa delle "candidate" nonché sua migliore amica. Ma quando il Drago comunica la sua decisione, lo sgomento è generale.

2 commenti:

  1. Non ho mai letto un fantasy...ma devo dire che dopo la tua recensione dovrei iniziare. Grazie per averla condivisa.
    Un bacio Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non sei per le storie lunghe e descrittive, ti consiglio di iniziare da un fantasy più fresco e veloce. :) Grazie del commento

      Elimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ