social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

7 aprile 2017

SEGNALAZIONE - Sinistra e popolo di Luca Ricolfi | Longanesi

Esce oggi in libreria Sinistra e popolo. Il conflitto politico nell’era dei populismi, il nuovo saggio di Luca Ricolfi.

TITOLO: Sinistra e popolo
AUTORE: Luca Ricolfi
EDITORE: Longanesi
GENERE: Saggio
PREZZO: cart. 16,90€
PAGINE: 288

TRAMA
Dodici anni dopo la pubblicazione di Perché siamo antipatici? Luca Ricolfi torna sui temi che hanno fatto unanimemente apprezzare la sua ricerca ripercorrendo i cambiamenti sociopolitici degli ultimi quarant’anni, dalle origini della globalizzazione alla crisi delle economie avanzate. Attento analista dei cambiamenti della nostra epoca, Luca Ricolfi si concentra in Sinistra e popolo sulle cause di quel fenomeno che negli ultimi decenni abbiamo imparato a definire con il nome di populismo: se ovunque in Occidente il popolo cerca protezione dalle conseguenze della crisi economica, dai flussi migratori, dal terrorismo e dalla fragilità dello scenario globale, la sinistra impegna le sue energie a sminuire i problemi che gli elettori percepiscono come principali.
Un errore che ha innescato una risposta aggressiva e pericolosa, con i cittadini che alzano ferocemente la testa nei confronti di una classe politica cieca di fronte a un’ondata di paura incontrollabile. Non è dunque così strano che il populismo si proponga come risposta, per quanto sommaria e inadeguata, alle angosce del presente.
Luca Ricolfi torna ad analizzare la nostra società e lo scollamento della sinistra dal suo elettorato anche alla luce dei nuovi eventi che hanno scosso il panorama sociopolitico internazionale – le elezioni statunitensi, la Brexit, la preoccupante crescita degli estremismi europei –, perché il divorzio fra sinistra e popolo non può più essere pensato come un fenomeno peculiarmente italiano. Analizzando le condizioni che hanno favorito l’avanzata delle forze populiste, a partire dai “gloriosi trent’anni” di edificazione dello stato sociale fino ad arrivare alle rivoluzioni liberali e liberiste degli anni Ottanta e Novanta, e con l’ausilio di un modello matematico-statistico, Luca Ricolfi fornisce una spiegazione all’avanzata dei partiti populisti in Europa e sottolinea come il nocciolo del conflitto politico non sia più la competizione fra una sinistra progressista e una destra più o meno conservatrice, ma il conflitto fra le forze dell’apertura e le forze della chiusura.

ESTRATTO

***

AUTORE

LUCA RICOLFI (Torino, 1950), sociologo, insegna Analisi dei dati presso l’Università di Torino. Collabora con Panorama e il Sole24Ore. Con la pubblicazione nel 2005 di Perché siamo antipatici? (Longanesi) ha inaugurato una lunga stagione di accesi dibattiti sulle politiche della sinistra, sulla questione settentrionale e sul ristagno dell’economia italiana. Fra i suoi libri: Tempo scaduto. Il contratto con gli italiani alla prova dei fatti (Il Mulino 2006), Illusioni italiche (Mondadori 2010), Il sacco del Nord (Guerini e Associati 2012), La sfida. Come destra e sinistra possono governare l’Italia (Feltrinelli 2013), L’enigma della crescita (Mondadori 2014).

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ