30 maggio 2016

INTERVISTA - Giulia Dell’Uomo e Un adorabile lunedì

Quale modo migliore di iniziare la settimana se non con Un adorabile lunedì? Perciò apro le attività del blog con questa intervista. Ospite: Giulia Dell'Uomo, giovane autrice emergente che ci parlerà di come sta procedendo il suo percoso e della sua ultima pubblicazione per Rizzoli You Feel.

Giulia Dell’Uomo è nata a Terni nel 1988, e dopo una laurea in marketing, si è specializzata in management col massimo dei voti. Tra le passioni che guidano la sua vita ci sono gli animali, le canzoni di Francesco Renga e ovviamente le parole. Per questo motivo ogni tanto le piace lasciare i panni di accanita lettrice per indossare quelli di autrice. Nel 2014 è uscito per Lettere Animate “Tutte le cose al loro posto”, suo romanzo d’esordio. Nel giugno del 2015, sempre per Lettere Animate, è arrivato anche il sequel, “Il mio viaggio più bello nel mondo” insieme a uno spin off della storia, dal titolo “Dolce Resa”. “Un adorabile Lunedì” è invece il suo ultimo romanzo, edito Youfeel Rizzoli.

Ciao Giulia, bentornata su Peccati di Penna! Noi peccatori curiosi siamo ansiosi di scoprire le novità sul tuo percorso di autrice. La tua ultima e recente pubblicazione è Un adorabile lunedì, come nasce questo romanzo?
Ciao Nel e grazie per l’ospitalità. È un grande piacere ritrovarmi qui. Un adorabile lunedì credo nasca da una delle mie più grandi passioni: gli animali. Volevo raccontare una storia dove l’amore tra uomo e donna, si intrecciasse con quello per un cane e così è nato questo romanzo, davvero pieno di sentimenti.

Una volta terminato il testo, quali erano le speranze o le aspettative che nutrivi per esso?
La parola speranza mi piace di più: non ho molte aspettative quando do vita a un manoscritto. Conosco perfettamente la realtà editoriale di oggi e non faccio grandi voli pindarici con la fantasia. Speravo semplicemente che giungesse alla pubblicazione seguendo un percorso onesto e professionale. E così è stato.

Come hai valutato a chi affidarti?
Da tempo avevo il desiderio di affidarmi a un’agenzia competente. Tra le mani avevo un manoscritto di genere rosa e avevo un solo nome in mente: Alessandra Bazardi. La conoscevo di fama e aspiravo ad avere un suo giudizio obiettivo, competente e professionale. Insomma, dentro di me c’era un grande quesito da risolvere: mi dicevo “ma questo manoscritto è da buttare o può vedere la luce?” Bè, non dimenticherò mai la prima email di Alessandra e la nostra prima telefonata. Abbiamo scelto insieme la strada più giusta per questo libro, ovviamente tenendo in considerazione solo editori NO EAP.

Sei soddisfatta della scelta?
Sono molto soddisfatta: se tornassi indietro rifarei la stessa scelta a occhi chiusi.

You feel e i suoi ebook: come si procede verso il prodotto finito? Quali sono i doveri dell’autore per poter vedere il proprio titolo pubblicato e quanta voce ha in capitolo? Raccontaci la tua esperienza.
Per arrivare al prodotto finito c’è un grande lavoro. La fase di editing è stata quella che più mi ha affascinato. Pensa che abbiamo lavorato in quattro sul mio testo, sul linguaggio, sulla correzione di bozze, sulle incongruenze e così via. È stata una collaborazione a tutti gli effetti col team Rizzoli e per me ha rappresentato un momento di grande crescita.
L’autore poi non si sente mai solo e questa è davvero una bellissima sensazione!

Quanto tempo passa dalla proposta di pubblicazione alla pubblicazione reale? Cosa pensi dell’assenza di cartaceo, ti mancherà?
I tempi sono molto brevi perché in pochi mesi si giunge alla pubblicazione. Ovviamente sono settimane intense di lavoro, ma prima di rendermene conto ero già online, in pre-order su Amazon! Il cartaceo? Certo sarebbe bello, ma chi sposa Youfeel sposa il digitale e a me va bene così.

Di cosa parla Un adorabile lunedì?
Prezzo: 2,49 € | Pagine: 179 | Mood: emozionante
Disponibile su Amazon
Un adorabile lunedì è la storia di Eva, una giovane maestra di una scuola elementare, che un giorno incontra un bello e dannato di nome Edo (uso il diminutivo  perché voglio troppo bene ai miei personaggi, ehehe). Edoardo insegna canto al conservatorio e a quarant’anni vive ancora con leggerezza, tra donne e amici. Insomma, i due si incontrano prima per caso, poi per lavoro, con il risultato che alla fine si scontrano violentemente per le loro diversità. Eva infatti nasconde un passato difficile, e lui è proprio il tipo di uomo che Eva ha sempre detestato. Eppure passo dopo passo – complice Lunedì, un simpatico cane randagio adottato da Eva – i loro cuori iniziano a conoscersi e riconoscersi. Ma per Eva aprirsi significa correre un grande rischio, ed Edoardo sembra una persona di cui sarebbe disastroso fidarsi…

Come mai questo titolo? Sappiamo tutti che il lunedì non è mai adorabile!!! XD
Non dirlo a me Nel! Il lunedì per me è una specie di tortura cinese. Ma forse non è lo stesso per i protagonisti del mio romanzo… Chissà! Senza svelarvi nulla di più, posso dirti che il titolo che avevo scelto inizialmente era “Volevo solo dirti che…” poi è stato modificato in accordo col team Rizzoli, perché in fondo il simbolo di questo romanzo è proprio il lunedì.

Qual è il tuo sogno di autrice?
Ho unico sogno: non smettere mai di scrivere. Nemmeno tra dieci, venti, o trent’anni. È una passione che mi fa sentire letteralmente viva e credo che fin quando avrò la testa per inventare storie, il mio cervello trasmetterà l’impulso alle dita per ticchettare i tasti del mio pc. Voglio letteralmente consumarli!

Quali sono i tuoi progetti futuri? Stai preparando qualche altro testo?
Sì sì sì. Ho iniziato da poco una nuova storia, ma ho cambiato totalmente genere. Per un po’ accantono il romance. Spero di riuscire a terminare il nuovo lavoro prima della fine dell’anno!

Giulia grazie per aver aperto il cuore ai lettori e aver condiviso le tue esperienze. In bocca al lupo e buona scrittura.
Grazie a te Nel, è stato un vero piacere.

Cari lettori, alla prossima e buona settimana.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ