22 maggio 2013

RECENSIONE - Cuore Nero di Amabile Giusti

Titolo: Cuore nero 
Autore: Amabile Giusti 
Editore: Dalai

Cuore Nero, una gradevole scoperta.
La storia unisce il mondo dei teenagers a quello dei vampiri, ormai si può definire un classico (?), ma Cuore Nero ha una marcia in più, perché ho trovato elementi originari e originali.
La storia si svolge in Calabria, e nonostante l’ambientazione in terra nostrana solitamente mi faccia storcere il naso, questa volta il romanzo era talmente piacevole e scorrevole, che non mi ha dato fastidio il suo contesto. I protagonisti: la diciassettenne umana Giulia  che, devo ammettere, al principio mi era davvero antipatica, immensamente acida e cinica, a tratti maleducata e un po’ troppo sulle sue; quando incontra l’amore cioè l’altro personaggio principale, Max, vampiro “particolare” rispetto alla sua specie, si modera, si addolcisce e sembra cambiare completamente. Alla fine diventa irriconoscibile. Altro personaggio di rilievo e il cacciatore, Victor, non il tradizionale umano a dare la caccia ai vampiri, anch’egli è un essere soprannaturale. Questa piccola differenza rispetto ai cliché mi ha fatto impazzire, come anche il passato che lega i cacciatori ai vampiri, insomma è tutto da scoprire e io non posso spoilerare!

Il finale, ai più romantici non andrà giù come si conclude il romanzo, ma probabilmente è la scelta più giusta per la protagonista. Il lettore proverà amarezza, commozione, e spererà sicuramente in un seguito.

Autrice, se mi leggi, per favore un seguito! Grazie.

Iniziando a leggere non mi sono sentita rapita, forse perchè l'eta dei protagonisti e il liceo non sono temi che mi invogliano particolarmente, MA andando avanti con la lettura il romanzo mi ha preso sempre più e, come ho scritto nella prima riga di questa recensione, è stata una gradevole scoperta. Più leggevo, più mi incuriosiva e mi piaceva, e più sostenevo Giulia e il suo amore. A libro chiuso ero stata conquistata.

Lo consiglio ai lettori di Paranormal Romance e a un pubblico giovane, che si sente giovane, o che vuole rivivere i sentimenti provati in gioventù, tra primi amori e banchi di scuola. Ovviamente, il tutto condito con un filo di sangue a crudo ;)

By Nel



TRAMA
A diciassette anni ci si può imbattere nel vero amore? È ciò che si chiede Giulia quando quel sentimento irrompe nella sua vita. Prima di allora era una ragazza indipendente, segnata dal burrascoso divorzio dei genitori, con una visione tutt’altro che romantica dei rapporti sentimentali.
Finché non si prende una cotta tremenda per Max, un compagno di scuola, e la sua razionalità inizia a vacillare. Lei, di solito brillante e decisa, si sente stupida e confusa. Eppure lui è fin troppo pieno di sé, non il suo tipo, anche se è terribilmente attraente, e Giulia fa di tutto per reprimere le proprie emozioni e dimenticare la loro breve, insignificante storia.
Una sera, mentre porta a passeggio il cane, incontra Victor, un ragazzo dall’accento francese che, sbucato dal nulla, le dice di essersi trasferito a Palmi da poco con la madre e la sorella. Biondi e pallidissimi, i tre sembrano avvolti da un mistero: escono solo di notte e abitano nella Villa dell’Agave, una vecchia casa dalla fama sinistra.
Da quel momento, inaspettatamente, Max ricomincia a corteggiarla, e non solo: fa di tutto per metterla in guardia da Victor, come se sapesse qualcosa sul suo conto che non può rivelarle.
Come mai i due si conoscono? Perché si detestano? Cosa nascondono entrambi?
Trascinata da una passione irrefrenabile, Giulia piomberà in un mondo che credeva relegato alla leggenda e alla fantasia, un mondo abitato da esseri misteriosi assetati di sangue, che attraversano i secoli lottando per sopravvivere. E scoprirà che amare un vampiro è una dannazione, un desiderio proibito, ma sceglierà di correre il rischio a qualunque costo.
Anche se sa di essere una preda.
Perché se vivere con lui è difficile, vivere senza di lui è impossibile
 photo signature_1_zpsb460c04b.gif

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ