social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      https://4.bp.blogspot.com/-kpV7lPzLDPg/Wa6R8QW920I/AAAAAAAAOhs/-wTTOHjB1PU_Kj8p9t58BoFsNwavUmGSQCKgBGAs/s200/info.png

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8

23 gennaio 2020

RECENSIONE - Hated. Gli occhi del demone di Angelica Elisa Moranelli | Homo Scrivens

Hated di Angelica Moranelli è un post-apocalittico fantasy con una incisiva componente romance, fondamentale ma non totalizzante.

Il romanzo si sviluppa in una Terra dove la natura sta divorando sempre più il mondo che conosciamo, inglobando ciò che l’uomo ha creato. Al contempo demoni legati proprio alla natura portano scompiglio, morte e distruzione: demoni del vento, dell’acqua, delle caverne, etc. Coincidenza che la piaga sia soprannaturale e naturale? Io non credo. Ci leggo un messaggio tra le righe...

La civiltà è alla deriva, l'umanità ha perso di vista i valori. Sembra essere tornati al Medioevo.

La protagonista è Isy, una cacciatrice di demoni che suo malgrado è costretta a crescere con un demone catturato dal padre e che ha ereditato una volta rimasta orfana. Nonostante i due non fossero amici, né fratelli, vivere dieci anni insieme, ventiquattro ore su ventiquattro, li ha uniti, ma è un'unione impopolare che mette Isy pericolo e la costringe a essere nomade quando lei, in realtà, vorrebbe una casa come quando era bambina.

La narrazione mi pare predominante rispetto ai dialoghi, lo stile è semplice ma non diretto ci sono molte descrizione e anche metafore. Inoltre c’è molta interiorità della protagonista, a volte forse un po’ ridondante ma che riserva anche delle belle riflessioni come quella sull’abbandono.

Isy non è un personaggio forte al principio, ma evolve; Veil, il demone con lei, forse per la vicinanza a Isy, ha sentimenti molto umani per la sua razza: amore, comprensione, gelosia... che i demoni siano più umani di quanto vogliano far credere?  Chissà?

In Hated ho trovati svariati elementi interessanti e più o meno originali: i demoni e le loro caratteristiche, le armi dei cacciatori, il significato delle parole e l’importanza data ai libri e al ruolo della memoria tramandata.

La sfumatura romance prende sempre più spazio procedendo nella lettura, ma essendoci anche contenuti violenti, morte e sangue, c'è un giusto bilanciamento tra rosa, fantasy e azione. Quindi niente di troppo melenso.

Sono rimasta piacevolmente colpita e sorpresa da Hated, la lettura è volata e mi ha lasciato un senso di soddisfazione che non mi capita spesso.

Se siete amanti del genere paranormal romance e del post-apocalittico io vi consiglio caldamente Hated - Gli occhi del demone di Angelica Elisa Moranelli.



Le strade di Isy e Veil si sono incrociate in una notte di sangue e tempesta e, da allora, non si sono più separate. Isy era solo una bambina il giorno in cui i demoni hanno fatto a pezzi sua madre: suo padre l'ha addestrata perché diventasse una Cacciatrice, come lui. Veil aveva solo undici anni quando suo padre è stato ucciso da un Cacciatore: ora segue in catene la figlia dell'assassino del padre e sarà venduto ai Monaci, diventando carne da macello per i loro esperimenti. Costretti da un destino beffardo, la cacciatrice e il demone affrontano da anni, uniti dalle catene e separati dai pregiudizi, l'estenuante viaggio in un mondo brutale in cui la Natura si è riappropriata del pianeta, seppellendo le città e la maggior parte delle creazioni umane. Ruderi di case e carcasse di automobili, luna park abbandonati e cimiteri dimenticati fanno da sfondo a una guerra sanguinosa che dura da secoli, quella fra gli Uomini e la loro Nemesi: i Demoni. In questo mondo in rovina, dominato dalla superstizione e da una feroce teocrazia, Isy e Veil dovranno affrontare l'odio dei nemici, il disprezzo dei loro simili, le atrocità di esseri senza scrupoli e i tranelli di una Natura crudele che li ha messi al mondo nell'odio ma non li ha resi immuni all'amore.



Testo fornito dall'editore

1 commento:

  1. Il ruolo della memoria in un romanzo di questo genere mi mancava ^-^ non so se leggero' mai in quanto non sono amante del genere ma grazie per la recensione! (P.s forse non ti ricordi di me ma avevo un blog che attualmente sto restaurando, cercando di tornare sulla blogsfera.. quindi mi fa piacere rileggerti!)

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ