social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

18 gennaio 2017

FILM - Miss Peregrine; La casa dei ragazzi speciali

Un film di Tim Burton con Eva Green, Samuel L. Jackson, etc.
GENERE: Fantasy
DURATA
: 127 min
ANNO: 2016

La mia opinione
Durante le passate feste ho avuto occasione di guardare Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali, un fantasy per ragazzi ma non proprio per bambini perché qualche scena potrebbe impressionare.
La storia che mi è piaciuta molto, in qualcosa mi ha ricordato un libro dello scorso anno: Trollhunters, un dark fantasy per ragazzi.
Le idee alla base della trama le ho molto gradite, ci sono note davvero interessanti e particolari anche se sul finale qualcosa mi è parso un po’ caotico.
I personaggi sono tutti particolari (peculiar…), riconoscibili e apprezzabili, anche se in modo diverso. Ogni bambino è speciale, talvolta mostruoso, e possiamo pensare a Miss Peregrine come un Charles Xavier retrò e con poteri magici. 
Gli eroi hanno avuto spazio e si possono conoscere molto bene mentre gli antagonisti li ho trovati abbozzati, non messi a punto come si deve… in una parola: affrettati. Il cattivo per eccellenza è una macchietta che quando può uccidere non agisce e lascia la scena in modo davvero avvilente (e troppo semplice). Insomma, il villain per me ha fatto pena. Samuel L. Jackson sfruttato malissimo!
La parte iniziale del film è esaustiva ma quando si entra negli intrecci e nell’azione tutto corre senza abbastanza dettagli, non si dà il tempo allo spettatore di capire e assimilare ed è una corsa verso il finale che, come dicevo, mi è parso un po’ confuso.
Il protagonista aleggia tra passato e presente e la differenza tra i tempi è esalata da una tonalità cupa e bluastra per l’attualità e colori saturi e splendenti per il 1943. In Miss Peregrine, Tim Burton l'ho trovato meno oscuro e caratteristico rispetto al suo stile.
In conclusione, come film mi è piaciuto ma non entusiasmato, ho apprezzato la vivacità e la malinconia che lo plasmano e si lascia vedere con molto piacere, però poteva dare di più, ne sono certa!


½

2 commenti:

  1. Avendo letto la trilogia, sono rimasta un po' delusa dalla seconda parte del film, che credevo più fedele. Tim Burton si è chiaramente ispirato ai romanzi di Riggs, senza però svolgere l'intera pellicola come se si trattasse della vera trasposizione cinematografica.
    Ho trovato la seconda parte troppo veloce e sbrigativa, come se avesse fretta di arrivare ad un finale, tra l'altro buttato lì. Il film, visto senza aspettarsi qualcosa di fedele ai romanzi, mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto che a molti non è piaciuto il film. Anche per me ci sono state parti veloci e poco esaustive... peccato.

      Elimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ