social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

10 dicembre 2015

RECENSIONE - Lovecraft’s Innsmouth di Claudio Vergnani

TITOLO: Lovecraft’s Innsmouth 
AUTORE
: Claudio Vergnani
GENERE: Horror

Salve peccatori, oggi vi parlerò di Lovecraft's Innsmouth, un romanzo horror che prende ispirazione da Howard Phillips Lovecraft.
Non avendo letto le opere di Howars Phillips, pensavo che questo romanzo mi risultasse difficile, ma Claudio Vergnani spiega tutto, rendendo chiaro ogni elemento. È un autore molto descrittivo ma non pesante, amante dei dettagli.
La trama si sviluppa intorno a un parco tematico, Lovecraft's Innsmouth, che propone ai turisti di vivere le esperienze descritte nelle opere del sopracitato autore, ma qualcosa in questo luogo di svago desta sospetto nei due protagonisti, due uomini che si ritrovano a fare le guardie del corpo a uno studioso di Lovecraft.
«Guardie del corpo?» domandai, anche se sapevo già la risposta.
«Abbiamo l’aspetto di due escort?»
«No.»
«Guardie del corpo», confermò.
Lo scenario un po’ ricorda le dinamiche di Jurassick Park, solo che qui non vi sono dinosauri ma umanoidi pinnati.  

I protagonisti mi piacciono molto, sono un duo energico e colorito, adoro i loro dialoghi e in particolare prediligo l’ironia di Vergy. Sorriderete dinnanzi alla sua bocca larga.
Pe quanto riguarda la storia si sviluppa lentamente, infatti, a un certo punto mi stavo quasi disperando, non riuscivo più ad aspettare e non vedevo l’ora di affrontare il brivido e ciò che ahimè avviene solo alla fine e in maniera ridotta rispetto allo sviluppo generale. In poche parole? Avrei voluto più orrore, più sangue, più paura. Hanno preso il sopravvento la ricerca e lo sviluppo di alcune sequenze non portanti. La lunghezza del testo tende talvolta ad avvicinare per i particolari, altre volte ad allontanare e c’è uno specifico momento del romanzo in cui mi sono sentita trascinare via da ciò che più mi interessava, ad esempio il pernottamento nel parco tematico che mi è piaciuto tanto per il contesto accattivante e il "sospetto" sempre presente.
Non avevo mai letto nulla di Vergnani e come scrittore mi ha davvero colpita. Riesce a delineare bene ogni luogo e a caratterizzare tutti i suoi personaggi. Lovecraft's Innsmouth è stata una scoperta che non solo mi ha permesso di vivere la fantasia di Vergnani ma anche di conoscere i miti di Howard Phillips Lovecraft.

❤❤❤❤

TRAMA

«A volte ci si muove in un territorio vago», disse il professo­re. «Pieno di nebbia. Una nebbia fitta, che rende ciechi, che as­sorbe ogni rumore e fa perdere l’orientamento. Ecco, a Inn­smouth noi ci muoviamo in quella nebbia. Non sappiamo niente di ciò che vi si nasconde dentro. Intuiamo qualcosa. E quel qualcosa intuisce a sua volta la nostra presenza.» Prese la saliera e la posizionò a capotavola. «Questi siamo noi», spiegò. «Per trovare ciò che cerchiamo dobbiamo avanzare in quella foschia.» Spostò la saliera in avanti. Poi mise un bicchiere nel centro. «Questa è Innsmouth. Quella vera. È tutto ciò che noi possiamo vedere. Ma è anche ciò che gli altri possono vedere.» Posizio­nò il con­tenitore del pepe all’altro capo della tavola. «Ecco, questi sono… loro. Noi avanziamo in mezzo alla nebbia, verso Innsmouth. Ma naturalmente così facendo po­tremmo finire per segnalare la nostra posizione. Allora forse sarebbe più saggio rimanere fermi.» Riportò la sa­liera al punto di partenza. «Ma anche questa scelta non è priva di pericoli. Rimanendo fermi saremmo un bersaglio facile da inquadrare. E allora forse sarebbero loro ad attraversare quella nebbia per raggiungerci.»
Assistetti inquieto alla marcia del pepe verso di noi.
Scese il silenzio. La superficie del tavolo sembrava vera­mente svaporare in una caligine indistinta. Dovetti sbattere due o tre volte le palpebre per fugare quella sensazione.

3 commenti:

  1. Interessante, non lo conoscevo ma lo inserirò sicuramente nella mia wishlist!

    RispondiElimina
  2. Aspettavo tantissimo questa recensione!!
    Mi ispira un sacco questo libro, DEVO prenderlo!

    RispondiElimina
  3. Ciao, grazie a tutte. :) Nel caso possa interessare avere qualche info sui presupposti che mi hanno portato a scrivere "quel" romanzo in "quel" modo sono disponibile con piacere a parlarne sulla mia pagina FB. Ancora grazie.

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ

https://i.pinimg.com/originals/b5/03/36/b503369c35efae10ddc722abfc6b42b5.jpg
Giveaway 1 - pacchetto romance - (1 cartaceo + 4 ebook) QUI
Giveaway 2 - pacchetto Narrativa-Storico-Rosa (1 cartaceo + 2 ebook) QUI