7 ottobre 2014

RECENSIONE - Polvere di Yndaco di Claudia Mazzullo

Titolo: Polvere di Yndaco
Autore: Claudia Mazzullo
Editore: Lettere Animate Editore

Questa non è una recensione positiva e mi spiace tantissimo, ma cercherò di essere chiara e spiegare il perché questo romanzo non mi sia piaciuto. 

La storia in generale presenta qualche buona idea, ma sono disperse in un mare di “ciarle”, la stesura è acerba e vi sono “errorucci” che una correzione e un editing avrebbero dovuto rilevare. 

 Primo punto: ci sono sproloqui su università e studio che non sono necessari alla storia, personaggi di contorno che sono inutili e confondono solo le idee soprattutto se si iniziano a descrivere le relazioni tra questi soggetti che appaiono e scompaiono non dando nessun apporto alla storia. I personaggi sono tanti e l’eccesso disturba. 

 Un editing avrebbe dovuto curare questo aspetto, segnalare cosa eliminare, cosa esaltare e cosa approfondire. Ad esempio, l’amore che la protagonista, Greta, prova per Zeno, il fascinoso vicino, è del tutto immotivato e non sembra di vedere in azione una ventenne universitaria ma una quattordicenne idolatrante. 

Da qui parto con il secondo punto, la stesura acerba. Come se non bastassero gli atteggiamenti dei personaggi a farmi pensare ad adolescenti un po’ confusi, anche la stesura non migliora le cose con l’utilizzo di un “te” al posto del “tu” molto gergale e dialoghi e pensieri superficiali. 

Qui entra il terzo punto, gli “errorucci”. Mi spiace far notare certe mancanze ma sono elementi che considero di base: presenza d eufoniche, E’ al posti di È, si invece di … E non sono casi isolati ma la regola e mi chiedo: come mai? 

Il ritmo è lento, la storia procede in punta di piedi e il lato fantasy si concentra sulla parte finale del romanzo, talvolta, lasciando spaesati. I personaggi, come detto, sono tanti ma nessuno è tanto forte da catturare. In ultimo, considerazione puramente personale: il finale non mi è piaciuto.

La storia, ha buoni spunti, ma per come è trattata tutto il buono va perso. Riconosco all’autrice lo sforzo e le idee ma non posso dare un buon voto. Spero di vedere questo romanzo in una nuova edizione un giorno. 

In bocca al lupo.



TRAMA 
Greta è una normale e introversa ragazza di vent'anni che, inaspettatamente e inconsapevolmente, viene catapultata in una nuova e inimmaginabile realtà, popolata da poteri magici, popoli provenienti da mondi lontani, presenze oscure, fenomeni inspiegabili.
Con l'aiuto dei suoi amici e di alcuni misteriosi ragazzi si troverà costretta ad affrontare, in un brevissimo lasso di tempo, non solo il doloroso e difficile passaggio da adolescente a giovane donna, ma anche due delle più grandi prove che la vita possa riservarti: un amore tormentato e un inaspettato tradimento.
 photo signature_1_zpsb460c04b.gif

2 commenti:

  1. La cover è carina e attira l'attenzione, però già la trama non dice nulla...è sempre un peccato trovare libri che meritano una recensione negativa.

    RispondiElimina
  2. Ero curiosissima proprio a causa dei cover e titolo! Peccato!
    Anche io non riesco a non notare gli erorri, il primo Shadowhounters e Innamorarsi a Notting Hill ne hanno davvero parecchi proprio parole con lettere che non dovrebbero essere li tipo "diverbirsi" o "desridero" o.O

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ