social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

TENTATE LA FORTUNA! Questo Natale potreste avere regali extra! 3 giveaway con cartacei ed ebook!

1 dicembre 2014

SEGNALAZIONE - Dindalé. Conti di poco conto di Armando Vertorano

Si può restare per sempre bambini solo smettendo di lavarsi? Un colpo di tosse può diventare un’arte? La vita di uno scrittore può essere letta come un romanzo? Si può visitare Lisbona senza vederla? Una buona risposta a tutte queste domande è dindalé!

Titolo: Dindalé. Conti di poco conto
Autore: Armando Vertorano
Editore: goWare Genere: Narrativa  
Prezzo: 4,99 € ebook, 9,99 € cartaceo 
ISBN: digitale 9788867972456 | stampa: 9788867972524
Pagine: 1860

TRAMA
Si può restare per sempre bambini solo smettendo di lavarsi? Un colpo di tosse può diventare un’arte? La vita di uno scrittore può essere letta come un romanzo? Si può visitare Lisbona senza vederla? È proprio vero che il fico del quinto piano esce con la bruttina del terzo? Una buona risposta a tutte queste domande è dindalé!

Dindalé è una specie di “chisseneimporta”, ma più ironico, quasi affettuoso. È come una parola magica che smaschera i falsi problemi, un punto di vista esterno che ne svela tutta l’inconsistenza. Un dindalé è proprio quel che manca ai protagonisti di questi racconti, convinti di non avere vie d’uscita dai paradossi in cui si sono cacciati. Perché spesso più che una spalla su cui piangere, tutti noi abbiamo solo bisogno di un bel dindalé

– Mamma, posso andare in sala giochi?
– Ci sei andato ieri.
– Ma oggi ci vanno tutti i miei amici!
– Dindalé. 


Disponibile nelle librerie online nei formati EPUB e Kindle
Edizione a stampa disponibile su Amazon

Autore
Armando Vertorano nasce nel 1980 in provincia di Salerno. Armato di una discutibile laurea in Scienze della Comunicazione, si trasferisce prima a Torino, dove frequenta un master in Scrittura ed editing di prodotti audiovisivi, e poi a Roma dove gli propongono un lavoro bizzarro: scrivere domande per quiz televisivi. Ridi e scherza, fa ancora quello. Nel tempo libero scrive racconti, romanzi, corti, serie e persino canzoni idiote per la sua band, il Triodeno.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ