5 maggio 2014

FILM - The Amazing Spider-Man 2

The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro (The Amazing Spider-Man 2: Rise of Electro) è un film del 2014 diretto da Marc Webb, con protagonista Andrew Garfield.
La pellicola ha come protagonista l'Uomo Ragno, il personaggio dei fumetti Marvel Comics. È il sequel del film The Amazing Spider-Man del 2012, riavvio della saga cinematografica slegato dalla precedente trilogia diretta da Sam Raimi.

Anni prima, Richard Parker registra un videomessaggio per spiegare la sua imminente scomparsa. Dopo aver lasciato il piccolo Peter dagli zii, lui e sua moglie Mary si mettono a bordo di un aereo privato, ma un sicario tenta di ucciderli e, dopo uno scontro, l'aereo precipita nell'oceano.
Ai giorni nostri, Peter continua la sua lotta al crimine nei panni di Spider-Man. Mentre affronta Aleksei Sytsevich, un criminale russo, nell'inseguimento salva Max Dillon, un impiegato della Oscorp, e viene chiamato da Gwen, che gli ricorda che sta facendo tardi alla loro cerimonia dei diplomi. In quell'istante, vede una visione del Capitano George Stacy, morto nel primo film, che gli ricorda della promessa non mantenuta di lasciar fuori la ragazza dalla sua doppia vita per evitare che lei venga coinvolta. Per questo, Peter decide di lasciare Gwen la sera dopo il diploma.
Nel frattempo Harry Osborn torna a Manhattan per far visita a suo padre, Norman, malato e in punto di morte. Norman gli spiega che la sua malattia è ereditaria e prima di morire gli dà un apparecchio contenente "il lavoro di tutta una vita". Dopo la morte di Norman, Harry viene messo a capo delle Oscorp Industries. Nel suo primo meeting attira l'antipatia di Donald Menken, assistente di suo padre. In quel momento Harry riceve la visita di Peter: i due sono amici di vecchia data e passano un po' di tempo insieme. Max, che si scopre essere un addetto all'impianto elettrico della Oscorp ossessionato da Spider-Man, ha un incidente e cadendo in una vasca piena di anguille elettriche geneticamente modificate viene tramutato in un puro concentrato di elettricità.
Fonte Wikipedia

RECENSIONE

Cosa ha di particolare questo eroe ignorato dai famosissimi ma non Amazing Avengers? Beh lui è stranamente normale per essere un eroe: scuola, famiglia, amici, fidanzata e uno spigliato senso dell'umorismo che  esprime alla perfezione l'animo di un giovane ragazzo neo-diplomato.
Peter tratta tutti come suoi pari, tutt'altra storia rispetto a un Dio, un soldato montato in laboratorio, un genio-milardario-playboy-filantropo, o una bestia verde formato casa. Peter è in parte uno di noi, che oltre ai problemi derivanti dai poteri e dalle visioni del padre di Gwen che sembra perseguitarlo guardandolo con cipiglio, ha problemi che potrebbero appartenere a chiunque.
Parlando di Gwen, lei è un bel personaggio, intelligente e fondamentale per la risoluzione dei problemi in città. Gwen è mente e cuore, pronta a tutto per aiutare il suo Spider-Peter. Non è un'eroina ma potrebbe esserlo senza alcun problema pur rimanendo umana.

Il film ha scene dinamiche con effetti fantastici e le vicende hanno un ritmo che pian piano aumenta di intensità. Nessuna scena è noiosa o superflua, e tra un po' di commozione, un sorriso e sprazzi di adrenalina, l'avventura scorre via intrattenendo lo spettatore alla perfezione. 

La trama è ben articolata e si ricollega al film precedente, approfondendo la storia dei genitori di Peter e della carriera scientifica di Richard Parker alla Oscorp.
Perchè i ragni e il loro veleno hanno mutato positivamente solo Peter e non ad esempio Curt Connors/Lizard? Lo scoprirete!

In questo secondo capitolo della Amazing Saga conosciamo anche Harry alias Goblin, personaggio non centrale ma con una sua importanza soprattutto sul finale che non solo segna il nostro eroe, ma getta le basi per futuri film sull' amichevole ragnetto di quartiere.

La story-line dell'Uomo Ragno, secondo me, è tra le più belle tra quelle degli eroi Marvel ed è quella che si colloca meglio nella società  senza stravolgere troppo (e intendo davvero troppo in un contesto comunque fantasy) la realtà.

È facile sentirsi pieni di speranza in una bella giornata come oggi, ma davanti a noi ci saranno anche giorni bui. Giorni in cui ci sentiremo soli, è allora che serve la speranza. Non importa quanto in fondo sarà seppellita, o quanto perduti vi sentirete, dovete promettermi che mai rinuncerete alla speranza. Mantenete la vita, dobbiamo essere più forti delle nostre sofferenze. L'augurio che vi faccio è di diventare voi stessi speranza. La gente ha bisogno di questo e anche se falliamo non c'è modo migliore di vivere. Guardando oggi intorno a noi, tutte le persone qui che ci hanno aiutato a diventare ciò che siamo, so che apparentemente ci stiamo dicendo addio ma porteremo un pezzo di tutti in ogni cosa che faremo in futuro. Per ricordarci sempre chi siamo e cosa vogliamo davvero.
-Gwen Stacy-


... e dopo i titoli di coda, immancabili le scene inedite riguardanti però il prossimo film di x-men.

Buona visione

2 commenti:

  1. Bella recensione....l'altra serie di spiderman non mi piaceva molto potrei provare a dare un'occasione a questa

    RispondiElimina
  2. La prima serie non piace neanche a me, questa è decisamente meglio.
    Non sono un'esperto di fumetti, ma credo sia anche più simile alla storia originale del super eroe. ^-^

    Nel

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ