social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/b5/03/36/b503369c35efae10ddc722abfc6b42b5.jpg
Primo giveaway (1 cartaceo + 4 ebook) QUI

4 maggio 2016

RECENSIONE - Forever di Amy Engel (The Book of Ivy #1)

TITOLO: Forever (The Ivy Series)
AUTORE: Amy Engel
EDITORE: Newton Compton Editori

Salve lettori, eccomi a commentare una delle mie ultime letture: Forever. Ci troviamo in un universo distopico dove una città, dapprima divisa in due fazioni, raggiunge finalmente la pace e per mantenerla decide di far accoppiare i rispettivi figli per mantenere gli equilibri secondo la teoria: non si ammazza in famiglia.

Ci si sposa a 16 anni, più si è giovani più si può procreare e avere figli sani, evitando gli effetti di radiazioni e veleni dovuti al nucleare che ha distrutto il mondo.
In questo contesto le donne sono tornate indietro, considerate quasi una proprietà, serve, sfornartici di pagnotte... (capite cosa intendo?)
Ma è una vergogna non essere scelte, in realtà, lo sappiamo tutte. Nessuno lo ha mai detto ad alta voce, ma è sempre colpa della ragazza se non viene scelta. C’è sempre qualcosa che manca in lei, mai il contrario ovviamente. 
E questo a qualcuno non sta bene, quindi… RIVOLUZIONE! Ma andiamoci piano perché in questo libro si va davvero molto piano, eppure non ci si annoia mai.
La protagonista ha il compito di sposare il figlio del sindaco e ammazzarlo, capire dove sono tenute le armi della città e dare inizio alla RIVOLUZIONE! Ovviamente non può farsi scoprire perché ogni passo falso porta all’espulsione dalla città, oltre la barriera protettiva che separa la civiltà dall’ignoto.
Dovrebbe essere facile per Ivy svolgere il suo incarico da ribelle ma, per sua sfortuna, si trova sposata a un angelo: Bishop. Proprio lui doveva essere l’uomo più corretto, servizievole, bello e gentile di tutto l’universo distopico? La risposta è sì, e nonostante io non ami i personaggi sdolcinati, Bishop è quel principe azzurro che non fa storcere il naso.
 :
«È stato due anni fa, appena prima che dovessi sposarmi con tua sorella. Era una ragazza della scuola, ed è stato più di un bacio solo».
«Anche in quelli c’è stato un ampio uso della lingua?»
«No, quelli erano molto meglio».
Le sue parole mi colpiscono, anche se so che non dovrebbero, ancora non mi conosceva e, anche se così fosse stato, non dovrebbe importarmi ciò che ha provato per un’altra ragazza. «Ti piaceva?», chiedo, e all’istante vorrei prendermi a calci. Bishop esita solo per un attimo prima di rispondere: «Non nel modo in cui mi piaci tu»
A quel punto Ivy pensa che potrebbe esserci un’altra soluzione per dare via al cambiamento, una soluzione che non preveda la morte del marito che sta imparando ad amare… ma come può sottrarsi ai doveri quando padre e sorella sono degli avvoltoi stalker che incitano all’odio e alla violenza… e alla RIVOLUZIONE! Immaginatemi urlare e alzare il pugno quando leggete "rivoluzione".
«Qualunque cosa ti stia accadendo», dice Callie, «devi ricordarti di chi sei tu, e alla svelta anche! Siamo noi contro di loro». Afferra la mia mano, ma questa volta la sua presa è gentile, e con voce dolce aggiunge: «Noi siamo la tua famiglia. Noi ti amiamo. Siamo gli unici che farebbero qualunque cosa per te, non dimenticartelo».
Gran parte del libro è dedicata al ruolo che hanno gli accoppiamenti programmati, all’evoluzione del rapporto tra Ivy e Bishop, una bellissima crescita, graduale, che anche se occupa gran parte delle pagine non mi ha mai tediata ma trasportata… e non è da me, lettrice d’azione.
Conosciamo situazione, contesto, personaggi, tutto per arrivare a un finale però… piatto. Nonostante gli avvenimenti dell’epilogo non ho provato nessun brivido mi sembra di leggere un qualunque finale come se non fosse successo niente di atroce o sconvolgente, eppure capita qualcosa a Ivy, qualcosa che dovrebbe distruggerla ma si fatica a carpirne le emozioni e a rimanere a bocca aperta. Manca la furia dei sentimenti.
Lo stile dell’autrice è uno dei più fluidi e trainanti mai letti, infatti la lettura l’ho terminata in breve e, nonostante non sia un testo carico di fatti, riesce a farsi amare.
In conclusione, anche se la trama non è articolata ma tutto rappresenta quasi un ambientarsi nell’universo distopico della Engel, Forever mi è piaciuto davvero tanto e spero di leggere presto il seguito.

❤❤❤❤

TRAMA

Dopo una guerra nucleare senza precedenti, la popolazione degli Stati Uniti è decimata.
Un piccolo gruppo di sopravvissuti entra in conflitto per decidere quale famiglia andrà al governo del nuovo mondo. Il clan dei Westfall perde lo scontro con quello dei Lattimer. Passano cinquant’anni e la comunità è ancora in pace, ma il prezzo è alto: ogni anno un rito assicura l’equilibrio forzato tra le famiglie e così una delle figlie dei perdenti deve andare in sposa a uno dei figli di quella vincente. Quest’anno, è il mio turno.
Il mio nome è Ivy Westfall, e la mia missione è semplice: uccidere il figlio del capo dei Lattimer, Bishop, il mio promesso sposo, e restituire il potere alla mia famiglia.
Ma Bishop sembra molto scaltro oppure non è il ragazzo spietato e senza cuore che mi avevano detto. Sembra anche essere l’unica persona in questo mondo che veramente mi capisce, ma non posso sottrarmi al destino, io sono l’unica che può riportare i Westfall al potere.
E perché questo accada, Bishop deve morire per mano mia...


English small-Review
TITLE: The Book of Ivy #1
AUTHOR: Amy Engel

The Book of Ivy (The Book of Ivy, #1)
La cover originale non mi piace >.<
This dystopian novel has a unique style. Although the plot is not eventful, but it is based on a gradual descend in constesto, and learning environments and characters, this book has the ability to hold the reader anchored to pages and to be loved.The relationship between Ivy and Bishop is the classic love that breaks out suddenly just because he is beautiful (indeed perfect), but it goes slowly and you hope for a happy ending for those feelings.The air of revolution and rebellion is in the air, the Ivy family is indescribable no matter how cold and detached, but also the family of regents is not the best. A fight to the Romeo and Juliet revisited in a dystopian universe.One of the key issues is the status of women returning to esere a property, domestic, submissive to the family and children, with rare exceptions.Overall I loved the novel, unique and little known painful, the end without force. I think it had to express with more fury and energy the epilogue events.Definitely... a novel and a series that I would recommend.
 ❤❤❤❤

SYNOPSIS

The Book of Ivy (The Book of Ivy, #1)
Molto bella la cover francese.
After a brutal nuclear war, the United States was left decimated. A small group of survivors eventually banded together, but only after more conflict over which family would govern the new nation. The Westfalls lost. Fifty years later, peace and control are maintained by marrying the daughters of the losing side to the sons of the winning group in a yearly ritual.

This year, it is my turn.
My name is Ivy Westfall, and my mission is simple: to kill the president’s son—my soon-to-be husband—and restore the Westfall family to power.

But Bishop Lattimer is either a very skilled actor or he’s not the cruel, heartless boy my family warned me to expect. He might even be the one person in this world who truly understands me. But there is no escape from my fate. I am the only one who can restore the Westfall legacy.

Because Bishop must die. And I must be the one to kill him…

8 commenti:

  1. Mi hai incuriosita, lo aggiungo alla wishlist ^^

    RispondiElimina
  2. anche a me è piaciuto molto, non vedo l'ora che esca il seguito *-*

    RispondiElimina
  3. Anche io l'ho adorato!! Sebbene non succeda niente di particolarmente cruento e l'azione sia designata in poche brevi pagine, l'ho veramente divorato in pochi giorni.

    RispondiElimina
  4. Infatti non succede niente di eclatante sino alle ultime pagine dove avviene una piccola svolta... l'autrice è riuscita a conquistare con poco, ho grandi aspettative per gli eventi importanti della storia *^*

    RispondiElimina
  5. Sono molto curiosa di leggerlo, soprattutto perché amo molto il genere distopico. Il fatto che non accadano molti avvenimenti ma che ti abbia catturata lo stesso mi rende fiduciosa u.u spero mi piacerà altrettanto!

    RispondiElimina
  6. Ecco un altro distopico di cui ho sentito parlare benissimo. Adoro la cover bianca! 😍

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ