social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

TENTATE LA FORTUNA! Questo Natale potreste avere regali extra! 3 giveaway con cartacei ed ebook!

20 gennaio 2017

PAGINA69 #80 - Il Ponte di Nessuno di Noemi Cianciaruso | deComporre

 
Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69. Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 dal Il Ponte di Nessuno, pubblicato nel 2015 da deComporre, un'associazione no-profit.

Facebook
La casa era appena visibile nella rete intricata degli alberi che la circondavano. Neil si affrettò a raggiungere il cancelletto arrugginito che giaceva, quasi divelto dai cardini, alcuni metri prima della costruzione diroccata. Rabbrividì dal freddo e dall’inquietudine e trasalì quando un grosso gatto grigio sbucò davanti a lui all’improvviso, in un silenzio felino. Inspirò profondamente, cercando di calmarsi; poi alzò lo sguardo sulla catapecchia semidistrutta e coprì la distanza che lo separava da essa in pochi passi rapidi.
Il ragazzo si piazzò davanti alla porta di legno dipinta di un rosso vivo, scrollandosi dagli abiti le foglie secche che aveva collezionato lungo la strada, e premette un pulsante nero sulla destra, situato sotto una targhetta dello stesso colore su cui era inciso un nome cancellato dal tempo. Nel giro di pochi secondi, la faccia rugosa e bitorzoluta di Arun sbucò da dietro la porta e si aprì in un sorriso sdentato.
«Ah, ragazzo, sei arrivato! – esclamò entusiasta – Entra, entra pure!»
Il vecchio si fece da parte e invitò Neil in casa con un cenno della mano.
«Permesso...» mormorò il ragazzo intimidito, mentre si addentrava nel largo atrio su cui dava la porta d’ingresso.
Neil sbucò in una stanza esagonale dal perimetro irregolare e dal soffitto altissimo: al centro troneggiava una scala a chiocciola che si arrampicava fino a scomparire al piano di sopra, mentre su ogni lato era disposta una porta diversa
per misura, per fattura e per colore...

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ