social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

14 ottobre 2016

Pagina69 #68 - Il Risveglio di Fahryon di Daniela Lojarro | GDS

 
Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69. Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 da Il Risveglio di Fahryon di Daniela Lojarro, fantasy GDS editrice.

«I ...Immaginato?», balbettò Fahryon con un filo di voce. «Questo significa che hai lasciato intenzionalmente che m'incamminassi nel vuoto?», chiese incredula.
«Sì», ammise il Magh candidamente.
«Tu sei un pazzo!», esclamò Fahryon sconvolta. «Come hai potuto permettermelo nelle condizioni in cui versavo in quel momento? Mi sarei potuta schiantare sul fondo del precipizio!», esplose furibonda.
«Non l'hai fatto», constatò Vehltur con praticità.
«Mentre io rischiavo la vita per il tuo balzano senso dell'umorismo, tu stavi seduto tranquillo dall'altra parte per vedere quanto tempo avrei impiegato ad arrivare fino al fondo», lo accusò sempre più irata.
«Non è per il mio balzano senso dell'umorismo che l'ho fatto ma perché era necessario metterti alla prova», precisò puntiglioso Vehltur e affatto impressionato dal suo sfogo.
«Io non sono un principio matematico da chiarire! C'era la mia vita in gioco!», si ribellò Fahryon. «E tu speri di poterti giustificare dicendomi che era necessario per mettermi alla prova?», domandò con voce fremente di collera.
«Io non devo giustificarmi con te!», proruppe Vehltur mentre gli occhi iridescenti si accendevano di bagliori.
«Vehltur!», s'intromise Kahedyr con dolcezza. «Non è facile accettare l'idea di aver rischiato la propria vita senza nemmeno saperne il perché. E tu, Fahryon, sforzati almeno di comprendere la nostra posizione, il nostro punto di vista», la esortò con la sua consueta pazienza.
«Io non perdo il mio tempo a discutere con una ragazzina infantile e arrogante!», concluse Vehltur scomparendo.
«Io sono arrogante? E lui? Crede che tutto ciò che dice sia legge e che nessuno si possa permettere di metterlo in dubbio, anche se non ne dà alcuna spiegazione logica», scoppiò Fahryon stringendo i pugni. «Fahryon! Non permetterti mai più di contestare l'autorità del nostro Custode!», la rimproverò Kahedyr con severità. «Senti, figliola, hai alle spalle un lungo periodo difficile e tormentato, che non si è ancora nemmeno concluso, ma abbi un po' di pazienza. Non pretendere di potere subito sollevare il velo! Per il momento, credi alle parole di Vehltur e affidati a lui e ai suoi insegnamenti: altrimenti rimarrai qui degli anni senza imparare mai nulla», l'ammonì ancora prima di lasciarla sola.

1 commento:

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ