social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

TENTATE LA FORTUNA! Questo Natale potreste avere regali extra! 3 giveaway con cartacei ed ebook!

7 ottobre 2016

Pagina69 #67 - Araba Fenice di Michele Sbriscia | Lettere Animate

 
Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69. Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 di Araba Fenice di Michele Sbriscia. thriller edito Lettere Animate Editore.


«…era il 22 agosto del ‘44 quando arrivarono gli alleati, soldati polacchi di avanguardia, seguiti dai carri armati e altri mezzi da combattimento…» «…faceva molto caldo e l’acqua era sempre più scarsa perché non pioveva da tanto tempo...» «…furono molto gentili, generosi e distribuirono dolci, pane, cioccolata, gomme da masticare e sigarette. Inoltre prestarono servizio di pronto soccorso ai feriti…» «…intorno a mezzogiorno ci fu il primo violento attacco delle artiglierie tedesche. I cannoneggiamenti si susseguirono con grande violenza, incessantemente, per alcuni giorni…» «…con pesanti danni e numerose vittime…» «…mine che saltavano distruggendo strade, cannonate che divoravano case e campi, granate che uccidevano persone, familiari, amici…» Ora le lacrime stavano facendo lo slalom tra l’ispida barba bianca. «…dopo una spaventosa battaglia tra le opposte artiglierie, le truppe tedesche retrocessero di parecchi chilometri, verso Pesaro…» «…la notte tra il 25 e il 26 agosto sembrò di cadere all’inferno. I cannoni facevano fuoco ininterrottamente, con immenso fragore. Il bagliore era accecante e la notte sembrava giorno. Mi nascosi assieme ai miei e a tanti altri nelle grotte sotterranee vicino casa, celate da un fitto canneto. Un profondo terrore…» Tirò su col naso alcune volte. «…è difficile spiegare cosa si provasse in quelle notti, specialmente per noi ragazzi…» «…terrore, immensa paura…» «…leggere il timore negli occhi e nell’atteggiamento degli adulti, consapevoli sicuramente più di noi, piccoli ragazzetti sbarbatelli, dei pericoli incombenti…» «…una cosa indimenticabile fu anche la gran quantità di polvere…»

1 commento:

  1. Grazie per tutto il tempo che mi avete dedicato.
    Michele

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ