social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

TENTATE LA FORTUNA! Questo Natale potreste avere regali extra! 3 giveaway con cartacei ed ebook!

8 luglio 2016

Pagina 69 #60 Amore tormentato

Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69.

Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 di Amore tormentato di Tiziana Cazziero, un romance suspense. Riuscirà Giorgia ad affrontare i suoi demoni e a sconfiggerli? Sarà capace di amare ancora dopo il suo tormento? Sconfiggerà per sempre il suo passato?



Facebook; Amazon
... morte. Giorgia sprofondò in un sonno irreale. Quella verità scritta col sangue non esisteva. Non più. Barcollò ancora una volta. Alex fu pronto a sostenerla.
«Giorgia, stai bene? Cosa succede?» chiese preoccupato e sostenendola con le braccia. Le gambe le tremavano. Il pavimento l’avrebbe accolta se non fosse stato per il suo soccorritore. «È lì. L’ho visto», balbettò con labbra tremanti mentre puntava con il dito un punto oltre il vetro, ormai desolato. Alex volse la testa verso l’esterno, fissando quello spazio perso nel vuoto, in cui Giorgia aveva attaccato i suoi occhi trasparenti. Non vide niente. Dopo qualche istante la donna riprese il controllo di se stessa. Si erse in piedi, dritta, forte, fiera. Corse fuori. Si precipitò per strada gridando.
«So che ci sei. Ti ho visto! Esci fuori, fatti vedere. Non ho paura di te!» Giorgia attirò l’attenzione di qualche passante. L’espressione del volto era dura, per nulla impaurita, era pronta a dar battaglia. Alex la raggiunse. In silenzio, aspettò che si calmasse. Anche lui si era guardato intorno, provava le stesse paure di Giorgia, ma non poteva ammetterle né mostrarle.
«Giorgia, calmati. Ascolta, non so cosa sia successo o chi tu credi di aver visto, ma se vuoi, il mio invito a pranzo è sempre valido. Ne potremo parlare più tardi», non c’era alcun rimprovero nella sua voce. Il tono era quieto, disposto ad accogliere ogni sua replica. Giorgia distolse lo sguardo, negando ogni possibilità d’incontrarsi.
«Tu non mi credi, vero? Non m’importa. Vai. Il nostro...

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ