social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

TENTATE LA FORTUNA! Questo Natale potreste avere regali extra! 3 giveaway con cartacei ed ebook!

17 giugno 2016

Pagina69 #57 Horror Vacui

Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69.

Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 di Horror Vacui di Anna Angelica Godoli, romanzo young adult tra il romantico e il drammatico.



... prenderla per mano e farla salire. Gliela tiene stretta e va a sedersi nello stesso posto. Quell'atmosfera familiare risveglia in lui miliardi di ricordi.
«Non è un caso che siamo ancora qui. Non ti accorgi che viviamo sperando che torni tutto al proprio posto? In attesa di qualcosa che forse non arriverà nemmeno.»
«Pensi che sia così ovunque? Anche nelle altre città?» chiede Chiara con le mani in grembo, guardando verso il basso, alla ricerca di qualcosa da contare.
«Se non fosse così se ne sarebbero accorti e sarebbero venuti a cercarci» risponde Matteo rilassando la schiena.
«Perché proprio noi, perché?»
«Dobbiamo smettere di chiedercelo e accettare le cose come stanno. Magari non siamo gli unici, ma rintracciare gli altri sarebbe impossibile. Dobbiamo costruirci una nuova vita, essere indipendenti. Continuando come abbiamo fatto fino a ora soffriremo. Poi ho capito che se avessimo avuto un figlio insieme mi sarei dovuto liberare del rancore e delle aspettative. Chiudere con il passato e lasciarmi andare.»
«Mi hai abbandonata comunque.»
«Solo per tornare da te più forte di prima.»
Chiara respira profondamente per poi lasciarsi interrompere dai singhiozzi. Ha sempre desiderato sentirsi dire tutto questo o vedere Matteo parlare di un futuro insieme a lei e di bambini. Ha atteso anni per riuscire a guarire le sue ferite, ma non in questo modo. Non adesso. Perché quando ottiene cioè che vuole deve esserle concesso in circostanze simili? Non riesce a pensare, non riesce ad amare, a vivere o respirare. Quando sta così male anche il gesto più banale le sembra immensamente faticoso.
Matteo la tira a sé, accarezzandole dolcemente i capelli, lasciando che le sue lacrime gli bagnino la maglietta e tutti quei...

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ