9 novembre 2015

Blog to blog #3 The Vincent Boys

Blog to Blog mette faccia a faccia le recensioni di uno stesso libro di due blog diversi, uno ovviamente è Peccati di Penna, l'altro? Scopritelo...

La doppia recensione di oggi è su un New Adult a suo tempo molto chiacchirato The Vincent Boys, lo ricordate? Lo avete letto? Come vi è sembrato? Oggi due opinioni a confronto... blogger concorde o meno? Vedremo... 

Se avete un lit-blog e volete partecipare a questa rubrica, contattatemi!
 
The Vincent Boys
Ashton, brava ragazza di "professione", cerca di non deludere i suoi genitori e gioca il ruolo della fidanzata perfetta di Sawyer Vincent, il ragazzo che tutte vorrebbero.
Ma durante le vacanze estive, mentre Sawyer è in campeggio con il fratello, Ashton inizia ad avvicinarsi a Beau, cugino di Sawyer, terribilmente sexy. E terribilmente pericoloso... Il ragazzo da cui tutte dovrebbero stare alla larga. Beau, che ha sempre voluto bene a Sawyer come a un fratello, ama Ashton fin dai tempi dell'asilo, considerandola però la "ragazza di suo cugino" e, dunque, off limits.
Che sia giunto il momento di abbandonare le maschere e di lasciarsi andare ai sentimenti veri? Più Ashton e Beau cercano di stare lontani più il desiderio si fa irrefrenabile. La tenera amicizia che li legava da piccoli si trasforma in attrazione travolgente, impossibile da combattere...
Come reagirà Sawyer nel trovare la sua ragazza tra le braccia del cugino e migliore amico?
C'è sempre una prima volta per "tutto": per l'amore, per la gelosia, per scoprire chi siamo veramente...

Da Peccati di Penna

Questo romanzo è definito New Adult, presenta scene erotiche a tutti gli effetti, solo che non si fa sesso una pagina sì e l'altra pure, come negli Adult alla “Cinquanta sfumature di Grigio” e i protagonisti sono tutti molto giovani e alle prime esperienze. C'è da dire che le dinamiche si ripetono: lei vergine, lui più esperto, lei che diventa un'assatanata dopo essersi concessa una prima volta. Forse questi sono i cliché del genere hot.
Dopo la premessa generale, parliamo del romanzo.
La storia è banalotta: un'amicizia che sfocia in amore, un triangolo, un tradimento, lei che sta con il buono ma vuole il cattivo.
La protagonista, Ash, è di un'antipatia e di uno squallore che non ho parole per descrivere ed è soggetta a strane trans in cui salta addosso alle persone spinta dagli ormoni. Non scherzo è successo davvero! Inoltre, mostra incoerenza e indecisione, che però voglio attribuire all'età.
I due cugini protagonisti, il diavolo e l'acqua santa, rispettivamente Beau e Sawyer, ovviamente amano alla follia questa ragazza dalle tendenze bipolari e, se vogliamo dirla tutta, anche falsa fino al midollo.
Come può una ragazza stare con un ragazzo per 3 anni solo perchè è facile stare con lui per la sua perfezione agli occhi del mondo? Come ci si può adattare e fingere di essere quello che non si è per tre anni?
Un'estate Sawyer va in campeggio e magicamente Ash e Beau che non si parlano da, guarda caso, tre

anni, riprendono a parlarsi dando il via ad un esplosione di passione. Una passione sopita molto a lungo... che devozione!
Passi il tradimento, passi che da verginella Ash si trasformi in una lussuriosa ragazza in astinenza, (non capisco Saywer che non le da nulla oltre il bacio, io non posso crederci che un ragazzo a quell'età non allunghi una mano O_o) ma non lascio passare la scelta di alleviare il suo dolore per la perdita della nonna, andando ad aprire le gambette lunghe abbronzate e perfette, dal bello di turno. Assolutamente no! Quando si perde una persona cara, si sta il lutto, non in un "letto" o dove capita... Per me una scelta di cattivo gusto. Questione di sensibilità personale.
Il testo ha il merito di essere un piacere da leggere, ma ci sono dei termini che mi fanno cadere le braccia: patatina e buchino? Cos'è l'hot della "Melevisione"? Termini infantili che rendono il testo quasi più volgare di un termine diretto e più adulto, o quanto meno adeguato a dei diciassettenni, che ormai sanno bene da dove nascono i bambini e il processo riproduttivo... Comunque il testo discorsivo e la narrazione divisa tra Beau e Ash, che solo in ultimo cedono il passo a Sawyer e Lana, (la cugina di Ash).
La mia visione dei due adoni protagonisti?
Ash per Saywer è una bambolina e una "colf", bella carina e che non fa altro che sostenerlo dicendo addio alla propria personalità. Non mostra passione, non mostra interessarsi neanche verso i suoi gusti!
Dopo tre anni cavolo non sai che ama mangiare? Che noti quando sei con lei Sawyer, che guardi?

Fondamentalmente questo angelo di paese lo trovo egoista, lui è il centro del suo mondo e Ash una bella visione a cui accompagnarsi. Oltre che noioso e perfettino, Sawyer è un personaggio che disprezzo anche per questo lato del suo carattere, per questa sua disattenzione verso una persona che, a detta sua, vorrebbe sposare!
Beau, al contrario è tutta passione e parolacce, sembra fissare Ash, le sue gambe e il suo seno da tutta una vita e compensa facendo pratica con altre dai facili costumi. Al contrario del cugino, almeno si interessa a Ash e a ciò che preferisce, ma leggendo i suoi pensieri si nota una possessività eccessiva. Un atteggiamento fastidioso, estremo,  a tratti però estremamente protettivo e romantico.  
Per me “The Vincent Boys” ha una trama con alti e bassi, mi piace in alcuni punti, mi sconcerta in altri… Tutto sommato, posso dire che è stata una lettura gradevole e veloce, nonostante le pecche riscontrate che però non posso evitare di considerare. 
 ❤❤

Da I miei magici mondi

Conoscendo già questa scrittrice si vede lo stesso stile nello scrivere una storia per ragazzi dove affronta i cosidetti temi adolescenziali ma nello stesso tempo tocca argomenti anche più forti.
Dalla trama inizialmente ho scelto Sawyer come preferito perchè bhe insomma lui è quello "cornificato" della situazione però poi leggendo meglio mi sono fatta un'idea diversa.
Ma andiamo con ordine.

Beau, Sawyer e Ashton crescono insieme sono un trio che va daccordo fin da piccolissimi. Ash e Beau sono quelli più irruenti mentre a Sawyer tocca tirarli sempre fuori dai guai perchè tra i tre è il più responsabile.
Non appena crescono Sawyer però fa qualcosa che rompe per sempre quell'amicizia a tre perchè chiede ad Ash di essere la sua ragazza.
Ash accetta perchè Beau non l'ha mai guardata in quel modo e perchè reputa Sawyer la persona più buona del mondo.
I due fanno coppia per tre anni e la vita sembra scorrere tranquilla, i rapporti con Beau sono cambiati radicalmente e solo quando Sawyer è fuori un'estate cambiando nuovamente.
Per una serie di circostanze Beau e Ashton si ritrovano vicini e tra loro scatta l'antica scintilla, vengono a galla i motivi per i quali si sono allontonati e Beau si mette a nudo davanti all'unica ragazza che abbia mai veramente amato parlandole dei suoi pensieri più profondi.
Ash da parte sua, capisce che la sua vita di perfezione con Sawyer non la rendeva felice come credeva perchè quella era solo apparenza. Solo con Beau riesce ad essere libera di essere se stessa senza correre il rischio di essere giudicata.
Per la prima volta dopo tanto tempo si rende conto di aver scelto il Vincent sbagliato.
Ciò che frena entrambi è proprio la reazione di Sawyer a cui entrambi vogliono bene e che non vogliono far soffrire.

Ed eccoci al classico triangolo dove qualsiasi scelta farà Ash metterà in crisi uno dei due e loro sono oltre che amici e compagni di squadra sono cugini, hanno lo stesso cognome e sono molto legati eppure quel legame sembra sgretolarsi a causa di una ragazza per cui entrambi sembra aver perso la testa.
Sembra perchè alla fine è evidente che solo una coppia è quella giusta per stare insieme e che Ash la sua scelta l'ha già fatta.

L'indecisione di una ragazza quando succedono questi triangoli è una delle cose che mi da fastidio di più soprattutto quando appare chiaro che non è lo stesso tipo di amore che professa di provare per tutti e due e per fortuna alla fine anche Ash se ne rende conto.
E' brutto il fatto che si trovi in mezzo a questa faida familiare se così vogliamo chiamarla ma alla fine un pò se l'è voluta anche lei quindi tutto sommato va più che bene così.

Belli anche i personaggi di contorno, gli amici che assistono a tutta la storia in pieno stile Glines, belle le caratteristiche dei personaggi che scopriamo man mano,
Ancora una volta è importante vedere come l'apparenza inganna.
Beau era bollato in città come la pecora nera della famiglia, l'inaffidabile, la persona con meno sentimenti mentre Sawyer quello preciso e perfetto, il ragazzo da prendere esempio.
Un bel contrasto netto tra i due e invece scopriamo che Beau è solo facciata, grazie alla vicinanza di Ash viene mostrato il suo lato più dolce, più innamorato e più felice perchè solo quando è con lei è davvero completo visto che lei rappresenta la sua famiglia.
Il seguito è Vincent brothers

5 commenti:

  1. Entrambe le recensioni dipingono una storia piena di cliché e poco credibile, di conseguenza poco coinvolgente per il lettore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari è coinvolgente per alcuni, ma io alcune cose non le tollero >.<

      Elimina
  2. Io ho bocciato completamente questa serie. A partire dalla traduzione (Peccati di penna, i termini buchini etc sono super fastidiosi -.-' una ragazza che l'ha letto in lingua originale ha detto che in realtà è stato tradotto male, ma comunque il libro parte già male), poi ho trovato lo stile dell'autrice non di mio gradimento e completa il tutto una trama che non mi è piaciuta, con personaggi che non mi hanno colpita!
    Ps mi piace questa trovata di confrontare le recensioni, complimenti per l'idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Non leggo in lingua originale altrimenti avrei fatto volentieri un confronto.

      Elimina
  3. Grazie per l'opportunita'

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ