social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7

28 settembre 2018

INTERVISTA FRI19 - Chiara Venturelli

Grafica banner originale Rocchia Design
Comincia la serie di interviste dedicate alle autrici e agli autori del FRI19, in questa prima chiacchierata risponderà alle mie domande Chiara Venturelli, che ho conosciuto proprio leggendo uno dei suoi romance.
Chiara Venturelli vive in provincia di Bologna, con il marito, la figlia che colleziona unicorni e la dispensa sempre piena di biscotti. Legge tanto, vede meno serie tv di quelle che vorrebbe e infesta i social con il nickname fallsofarc. Ha iniziato a scrivere su efp nel 2009, per poi passare a Wattpad nel 2015.
Ha pubblicato Lezioni di seduzione, in versione riscritta rispetto al web, nel 2016 con Centauria e l’inedito Onde di velluto nel 2017. Dal 2018 pubblica i suoi romance su Amazon in self-publishing.
Benvenuta Chiara, quando hai iniziato a scrivere romance e cosa ti ha spinto a farlo?
Grazie a te per l’ospitalità! Ho iniziato a scrivere romance quando ho scoperto l’archivio di fanfiction e originali, EFP, nel 2009. Ho sempre amato scrivere, ma negli anni precedenti non avevo mai portato a termine nessuna storia completa e i miei racconti ero soprattutto gialli e paranormal. Sono passata al romance perché sono stati i personaggi a spingermi in quella direzione, quando ho dato loro voce.

Quale autrice o autore italiano preferisci e perché?
Leggo tantissime autrici italiane, sceglierne una è davvero difficile! Per fortuna, molte di loro saranno al Festival e potrò farmi firmare i loro libri! Un’autrice che ho scoperto al suo esordio e non ho più lasciato, anche perché il genere che scrive è innovativo, tra il giallo e il romance, è Alessia Gazzola.

Il genere romance è molto criticato, secondo te per quale motivo?
Viene visto come lettura puramente di evasione, come se non veicolasse nessun messaggio né emozione. L’unica cosa che possiamo fare, da autrici e da lettrici, è continuare a leggere e consigliare, ignorando le critiche.

Ti hanno mai criticato per essere una autrice romance? Come hai reagito o come reagiresti?
Certo, è successo più volte, addirittura fin da quando ero su efp. Ho reagito trasformando le critiche in punti di forza. Dicevano che le mie storie erano tutte zucchero e unicorni e che ero troppo fissata con i contraccettivi, perciò ho fatto diventare gli unicorni, lo zucchero e il sesso sicuro una bandiera nelle mie storie.

Come definiresti i tuoi romance? Ironici, passionali, leggeri, o altro? Chi è il tuo lettore ideale?
Ironici, senz’altro, ma anche romantici e con un occhio di riguardo ai rapporti di amicizia e alla fiducia che è sempre alla base di ogni relazione. Le mie lettrici hanno le età più disparate, alcune ragazze mi seguono da anni, fin da quando erano alle scuole medie. Chi cerca romanticismo, ironia, uomini sempre rispettosi delle proprie compagne e rapporti di amicizia importanti potrebbe trovarsi bene a leggere qualcosa di mio.

C’è un tema che ricorre nei tuoi romanzi?
L’amicizia che diventa amore è il tema che sviluppo più spesso però ciò che ricorre in quasi tutte le mie storie è la varietà di declinazioni che la solitudine può raggiungere: ci si può sentire soli anche in mezzo agli altri, se non ci si sente capiti. Spesso le mie coppie iniziano a interagire proprio per vincere il guscio che si sono costruiti e che tende a respingere gli altri.

Nei tuoi romance inserisci esperienze personali?
Inserisco aneddoti reali e soprattutto emozioni reali. Per questo spesso tratto temi, come l’amore a distanza, che ho comunque provato sulla mia pelle.

Nei romance sei #teamlietofine o #teamlietofineno? Motiva la tua scelta di squadra.
#Teamlietofine perché, almeno nei libri, non voglio perdere la speranza di un futuro migliore.

Cosa ti aspetti da questo Festival?
Di poter abbracciare ragazze che mi seguono da anni, di conoscere qualche nuova lettrice e di chiacchierare con le altre autrici, confrontando le nostre esperienze.

Quali romanzi presenterai/porterai con te al FRI19? Ci saranno anche novità non ancora pubblicate? Cosa troveranno le lettrici e i lettori quando ti incontreranno?
Porterò i romanzi self: Un fidanzato di troppo, Linea 97 e Tutto tranne un bacio (in uscita tra un mese). Nel primo semestre del 2019 usciranno le versioni revisionate dello Young Adult Tra me e te e dei due primi romanzi della serie degli amici al bar: Amore imprevisto e Iniezione d’amore. Tre storie nate su efp, e in seguito passate su Wattpad, ma che avranno nuova vita, anche cartacea.
Al mio tavolo non mancheranno i biscotti, perché sopravvivo grazie a quelli quando scrivo, gadget che sto studiando per renderli più possibile riconducibili al mio stile e alle mie storie e un ospite a sorpresa, se riuscirà a non avere impegni lavorativi nel giorno del Festival.

Grazie Chiara, ti auguro un fantastico romance day al FRI19! 
Grazie mille a te, Ornella, aspetto di abbracciarti al Festival!

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ