social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7

21 giugno 2018

RECENSIONE - The Dream (Katie Corfield – 2) di Rebecca Daniels | Dunwich Edizioni

The Dream è il secondo libro dedicato a Katie Corfield, il primo lo trovate recensito qui

Katie è capace di entrare nelle menti delle persone in coma, cosa l'aspetterà nel subconscio di una quasi vittima di serial killer? Beh, tanta roba direi.

Rispetto al primo romanzo della serie questo mi è piaciuto di più perché ha quella vena di brutalità che fa stare in apprensione, e poi i serial killer e gli squilibri mentali sono quei bonus che arricchiscono indubbiamente la parte thriller di The Dream e che gradisco in questo genere di lettura.


In The Dream, lasciando da parte gli elementi classici del thriller, ho molto apprezzato la parte che riguarda il paranormale, ovvero la capacità di Katie e del suo collega di entrare nelle menti e di viaggiare nei vari strati del subconscio. Nel caso particolare si parla di legame mentale tra persone molto vicine, come nel caso dei gemelli, e la sopravvivenza del nostro essere al corpo, due concetti molto interessanti che uniscono ambito scientifico e soprannaturale, come si evince dal romanzo, ma che in tutta onestà ho trovato poco chiari, non so se per una precisa ragione dell'autrice di rimandare i chiarimenti in un altro volume della serie di Katie Corfield o per un mio limite. Nella trama si cita una minaccia che arriva dal passato e che ha aspettato anni nell’ombra per poter tornare, ecco, una delle mie perplessità e sulle modalità che consentono questo ritorno, senza contare il suo restare nell'ombra...

Il romanzo si sviluppa in capitoli che tra loro si differenziano per cambio si contesto e talvolta anche di tempo, questo saltare tra scenari non sempre è lampante, ad esempio quando si scopre di più sui trascorsi di Katie e Matt non è immediata la sensazione di flashback e di trovarsi quindi in un evento passato e non attuale legato al caso. 

Con tutto il rispetto per Katie che è una protagonista degna di nota, io non posso che preferire Matt... che la sua amicizia verso Katie celi qualcosa? Adoro il suo modo di preoccuparsi, il suo essere protettivo e pronto al sacrificio. Io spero in una svolta sentimentale tra i due.

Passando ai personaggi secondari, mi è piaciuto l'agente di polizia donna, anche lei non proprio mentalmente stabile XD ma è un personaggio ca**uto che nonostante le discriminazioni è riuscita a ritagliarsi un ruolo nella società e nell'arma. Infine, mi è piaciuta la giovane testimone, una ragazzina scappata di casa che trovandosi in sanguinosi affari capisce di aver sbagliato tutto, di essere semplicemente un'adolescente ingrata e annoiata, anche lei nonostante i traumi reagisce e in più cerca di redimersi. 

Lo stile è leggibile, scorrevole, anche se qualche volta l'autrice tende a dilungarsi mentre io non vorrei che correre verso il punti cruciali della storia.

Di The Dream mi è piaciuto poter capire meglio i protagonisti e scoprire i retroscena macabri legati al serial killer (che mi ha ricordato il personaggio del film Split anche se in una veste molto più ingenua), quindi il covo, il modo di trattare le vittime, la brutalità e la noncuranza. A tenermi sul filo del rasoio è stato un personaggio che seppur poco presente mi ha fatto penare perché in bilico tra la vita e la morte, non vi dico quale perché sarebbe spoiler.

Anche se The Dream l'ho apprezzato maggiormente rispetto a The Gift non posso aumentare la valutazione perché ci sono comunque delle ombre nel testo che non posso non tenere in considerazione, ma spero che nei prossimi libri la Daniels chiarisca ciò che qui mi è parso oscuro.

Concludendo, lettura promossa.


TRAMA

Una ragazza viene ritrovata da una senzatetto nell’hotel Alexandra. È stata torturata, ma non è morta. È in coma. E il suo destino è legato a quello di altre giovani uccise da un assassino seriale i cui delitti, simili a quelli del mai dimenticato Strangolatore di Boston, gli hanno fatto guadagnare il soprannome di De Salvo Junior. La polizia non ha piste da seguire e non può far altro che richiedere l’intervento di Katie Corfield e Matt O’Brien per andare a caccia di informazioni nella mente della sopravvissuta.
Ma Katie non troverà soltanto indizi sull’omicida nei ricordi di Diana Sloane. La memoria della ragazza si rivelerà una trappola pronta a scattare e al suo interno una nuova minaccia attende Katie, una minaccia che arriva dal passato e che ha aspettato anni nell’ombra per poter tornare.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ