social


http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

22 maggio 2018

RECENSIONE - Perché la notte appartiene a noi di Amabile Giusti | Amazon Publishing

Era da tempo che non leggevo qualcosa di Amabile Giusti nonostante io la stimi come autrice. Grazie ad Amazon Publishing ho potuto leggere Perché la notte appartiene a noi in uscita oggi e devo dire che sono stata travolta da questo romance ambientato in Alaska dove il bianco è il colore principale e ha acompagnato la mia lettura.

I protagonisti sono Mira, una ragazza per bene ma dalla lingua tagliente che non è mai uscita dal suo villaggio di 300 anime, una sognatrice, lettrice, con la madre disabile e un padre sparito da tempo; e Kade, uno sboccato, volgare, con un dolore alle spalle e un passato di illeciti e di donne, un vero delinquente.

Due personalità teoricamente incompatibili ma che trovano un punto di unione nella carnalità... wow!

Tutto inizia con Mira che idealizza Kade come un personaggio dei suoi romanzi e oltre a immaginarlo come eroe anche la sua prestanza fisica le solletica la fantasia, ma Kade non è affatto come pensa e da subito si mostra per il rude omaccione che è distruggendo l'idea che la ragazza si è fatta di lui. Si sa che però la carne è debole e nonostante Kade sia un troglodita, Mira non può che esserne attratta e decide di uscire dai suoi schemi allacciando i contatti con l'uomo. Accanto al romance però c'è il dramma: il passato di Kade che porta distruzione e paura.

Lo stile di Amabile Giusti rende la lettura molto semplice, le descrizioni non mancano ma sono idonee, i dialoghi sono energici e trainanti, e la caratterizzazione dei personaggi eccellente, tanto che mi sono chiesta come possano due protagonisti così diversi nascere dalla stessa penna, mi ha stupito come l'autrice sia riuscita a delineare Kade perché è davvero un concentrato di volgarità che mostra il suo essere sia con i dialoghi a dir poco coloriti che con le azioni. Devo ammettere che a volte l'abuso di parolacce mi ha un po' infastidita, forse perché non abituata a leggerne tante e soprattutto legate a un unico personaggio, ma questo è un sentire personale, perché comunque il personaggio di Kade è palesemente pensato per non essere delicato (neanche quando vuole esserlo) ed edulcorarlo sarebbe stato come snaturarlo.

Perché la notte appartiene a noi riesce ad appassionare dalle prime battute, nonostante con lo scorrere delle pagine le vicende a volte appaiano quasi ai limiti dell'inverosimile, troppi elementi forti per essere percepiti come plausibili, questa caratteristica rappresenta un pregio e un difetto: pregio perché non ci si annoia mai e quindi la lettura è un susseguirsi di emozioni e scoperte; difetto, se così lo si può chiamare, perché personalmente non sono riuscita a farmi scivolare a dosso la sensazione di eccesso. Ad esempio un elemento legato alla famiglia di Mira l'avrei evitato per non calcare la mano su una storia già piena. Per scendere nei dettagli dovrei spoilerarvi fatti importanti rovinandovi i colpi di scena, quindi non aggiungerò altro.

Perché la notte appartiene a noi è un romance strong, ha quella vena di azione e di oscurità che puntellano il rosa di nero, e se devo considerare il romanzo nel complesso posso solo dire che è stata una bella lettura nonostante i piccoli nei evidenziati.

TRAMA

La luce dell’aurora e il gelido buio dell’Alaska: sono Mira e Kade.


L’inverno in Alaska è spietato: lo sa bene la giovane Mira Kendall che non si è mai allontanata da Noweetna, un villaggio di trecento anime. Per affrontare il buio perenne di quelle latitudini, la ragazza si è creata un piccolo mondo interiore ricco di luce: legge tantissimo, colleziona fiocchi di neve e sogna di vivere un grande amore romantico.

L’arrivo di Kade scuote ogni suo equilibrio. Lui è un trentenne tanto bello quanto inquietante: ha i capelli lunghi, un occhio verde e uno nero, strani tatuaggi perfino sul viso e sulle mani, e un pessimo carattere. Non socializza con nessuno, vive da solo su una vecchia barca arenata e nasconde di sicuro un terribile segreto.
Impossibile per loro non incontrarsi, così com’è impossibile per Mira non trovarsi combattuta fra due emozioni opposte. Una parte di sé disapprova Kade per i suoi modi sgarbati, e l’altra è irresistibilmente attratta dal suo fascino feroce e dal mistero che lo avvolge.
Lentamente, l’iniziale reciproca antipatia si trasforma in un sentimento inatteso, tanto profondo da travolgerli entrambi. Ma Kade ha troppe cose da nascondere. Quando il suo passato torna a minacciarlo, diventa necessario fare una scelta dolorosa che potrebbe separarli per sempre.
Una storia passionale e sensuale sullo sfondo di una terra selvaggia, fra due anime più affini del previsto, dapprima ostili, dubbiose, rabbiose, e poi follemente bisognose, gelose e affamate d’amore.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ