social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

EVIDENZA

RECENSIONE - Una ragazza inglese di Beatrice Mariani | Sperling & Kupfer










CONTINUA A LEGGERE...

19 aprile 2018

SEGNALAZIONE - Il comunicatore e Di profumata carne | Imprimatur

In libreria dal 24 aprile 2018 il nuovo thriller di Maurizio Lorenzi Il comunicatore e il nuovo romanzo di Igor Damilano e Cinzia Lacalamita Di profumata carne.




Il comunicatore di  Maurizio Lorenzi

Un poliziotto specializzato in missioni internazionali, esperto di rimpatri di pregiudicati stranieri, viaggia per il mondo accompagnando gli estradati nel loro Paese di origine; al rientro lo attende la routine in questura, le consuete indagini di polizia, la vita della provincia. Poi un altro viaggio e un altro ancora, in un susseguirsi di partenze e ritorni sempre uguali. È la vita che ha scelto, gli piace. Un evento improvviso, però, lo costringe a rivedere tutte le sue convinzioni. E allora sorge il dubbio: può un poliziotto scegliere consapevolmente di ignorare? Tra passaporti di servizio, misteriose consegne, scatole dal contenuto oscuro e personaggi ombra la vicenda si dipana con un ritmo sempre più incalzante e coinvolgente, mischiando realtà e fantasia. Un romanzo giallo ispirato a una storia vera, che scava nel profondo dell’animo umano, nei lati nascosti che appartengono a ciascuno di noi.
«Il monovolume è fermo poco prima dell’ingresso dell’albergo, nella parte più buia della via, dove i lampioni sembrano essere fuori uso e la strada precipitare nel vuoto. Un leggero colpo di abbaglianti. Un altro. Potrebbe essere il segnale».
Maurizio Lorenzi (Bergamo 1973) è un poliziotto e scrittore italiano. Noto anche con l’acronimo “MaLo”, collabora con il quotidiano «L’Eco di Bergamo». Scrittore di diversi racconti e romanzi polizieschi, per Imprimatur ha pubblicato Eroi senza nome (2014) con il quale ha vinto il diploma d’onore del premio letterario internazionale il Molinello e Identikit. Il disegnatore di incubi (2016) con il quale ha vinto il premio della giuria del premio letterario internazionale Montefiore.


Di profumata carne  di Igor Damilano e Cinzia Lacalamita

14,50 € p. 160
Il cammino di Lilith, orfana di madre – morta nel darla alla luce – e figlia di un padre fuggiasco, è un elogio alla crudeltà. Lilith è sposata a un’esistenza programmata per nuocere al prossimo, calcolatrice infallibile nel porre termine alle vite altrui. Uccidere per mestiere coincide con il suo passatempo preferito e di miglior riuscita, tanto è vero che lo fa anche quando non commissionata, ma, in fondo, vivere di morte è sfiancante persino per una come lei, che la morte la ama e la obbligherà a fare i conti con Lucas: «Amo creare dipendenza nel prossimo e dipendenza voglio essere per te, al limite dell’ossessione, se possibile, anche oltre. Sono un uomo che concede molto e si prende tutto. Pacato, gentile nei modi, così mi mostro e così in parte sono. In parte. Poi c’è il resto, tutto il Resto». A guidare le fila, Il Giusto, freddo calcolatore ossessionato dalla puntualità e dalla smania di mantenere in equilibrio il Sistema. Ma cos’è il Sistema? E chi sono davvero Lilith, Lucas e Il Giusto stesso? Forse nessuno è come sembra, di sicuro ognuno ha un segreto inconfessabile. Solo scoprendolo, si arriverà a una soluzione definitiva. Quarantasette i giorni a disposizione per tentare di rimanere vivi: l’ordine è la chiave.
 Igor Damilano, nato a Gorizia, è scrittore, speaker radiofonico e consulente del Sistema What’s Up per il benessere giovanile. Insegna scrittura creativa emozionale. Già autore per Imprimatur di Margherita Hack. La stella infinita (2013), Solo per i miei occhi (2014), Kintsugi. Terra di mezzo (2015) e Chiamami Anam (2016). 

Cinzia Lacalamita, nata a Trieste, è scrittrice, editorialista e consulente editoriale. Insegna scrittura creativa emozionale. Autrice di Daniele. Storia di un bambino che spera (Aliberti, 2009), L’uomo nero esiste (Aliberti, 2010), Volevo un marito (Aliberti, 2012), Margherita Hack. La stella infinita (2013), Solo per i miei occhi (2014), Kintsugi. Terra di mezzo (2015) e Chiamami Anam (2016).

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ