social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8

18 marzo 2018

Peccati di vanità - Contorno occhi alla rosa canina | Cien

https://3.bp.blogspot.com/-_vN0S5DNnMo/Wa1dn_7IGWI/AAAAAAAAOeI/hEvUeYaIFN8mAc7y5uHcSlVrv1vsZKSCQCLcBGAs/s1600/Peccati%2Bdi%2Bvanit%25C3%25A0.png
Oggi vi parlo del contorno occhi alla rosa canina Cien, un prodotto che va usato mattina  e sera e serve a dare sollievo e idratazione a una zona delicata del viso.




Il contorno occhi alla rosa canina Cien costa 1,99 € ed è composto da ingredienti naturali; si trova tranquillamente da Lidl. Il prodotto si presenta sottoforma di una crema leggera, non profumata. La confezione è da 15 ml e il PAO non è riportato ma vi è ben chiara la data di scadenza, io l'ho comprato nel 2017 e la scadenza era per il 2019, quindi un'ottima durata per un prodotto con ingredienti naturali, quindi ha una durata di circa due anni dalla data di produzione

Ho avuto un'esperienza particolare con questo contorno occhi e ora vi spiego perchè. Nel primo periodo mi sono trovata bene, idratava sufficientemente la zona e assorbiva in fretta permettendomi di procedere con il trucco. Ultimamente invece l'idratazione non l'ho trovata più idonea e nella zona perioculare non provavo più sollievo dopo la detergenza ma un certo fastidio, quasi un tiraggio.

Dunque questo cambiamento mi ha spinto a pensare che il contorno occhi alla rosa canina di Cien sia ottimo per chi non ha particolari esigenze, ma per chi soffre di secchezza nella zona occhi forse è meglio qualcosa di più nutriente. 

A ogni modo io promuovo il prodotto, piccolo prezzo ma buone prestazioni. 
Cosa mi ha insegnato questa esperienza? Che bisogna sempre ascoltare la propria pelle.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ