social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7

21 settembre 2017

RECENSIONE - The winner's curse. La maledizione di Marie Rutkoski | Leggereditore

The winner's curse. La maledizione di Marie Rutkoski  è un fantasy distopico che ha fatto impazzire molti blogger... e poi ci sono io. 

Non fraintendetemi, il romanzo è ben scritto e ha una storia articolata con qualche elemento originale, che vede alla base della trama, ma in chiave rielaborata, l'antica faida tra coloni e a autoctoni che ha sempre un certo fascino. 

L'incipit è svelto e carico di attrattiva e il finale sconvolgente e avvincente, l'ho molto apprezzato perché ha una dose di violenza che smuove le acque, ma tra i due punti forti ci passano pagine di vicende non troppo coinvolgenti, almeno per quanto mi riguarda.  Avrei preferito un po' di azione in più, maggior tensione.

La protagonista, Kestrel, mi piace, è una ragazza forte, fuori dal suo contesto al contrario dell'amica che è il prototipo della damigella che si interessa di moda, party e matrimonio.
La vita di Kestrel è già complessa ed è in procinto di scegliere cosa fare della sua vita: arruolarsi nell’esercito oppure sposarsi. Un giorno, però, compra uno schiavo per salvarlo (a suo modo), Arin, molto più complicato e profondo di quanto appare in realtà, ed è l'incontro con i segreti di questo ragazzo che la matteranno su strade mai vagliate. 

Anche nella trama si parla di sentimenti, due amanti, ma personalmente non mi ha convinto il modo in cui il rapporto tra i due protagonisti evolve. Non ho percepito attrazione o amore, ma freddezza, poi amicizia ma niente di più intenso, quindi arrivata all'ultima parte del romanzo mi sono sentita fuori dal mondo non percependo l'affinita tra Kestrel e Arin.

In conclusione The winner's curse. La maledizione di Marie Rutkoski  l'ho letto volentieri ma non mi ha entusiasmato quanto mi aspettavo.

TRAMA

In quanto figlia di un potente generale di un vasto impero che riduce in schiavitù i popoli conquistati, la diciassettenne Kestrel ha sempre goduto di una vita privilegiata. Ma adesso si trova davanti a una scelta difficile: arruolarsi nell’esercito oppure sposarsi. La ragazza, però, ha ben altre intenzioni...
Nel giovane Arin, uno schiavo in vendita all’asta, Kestrel ha trovato uno spirito gentile e a lei affine. Gli occhi di lui, che sembrano sfidare tutto e tutti, l’hanno spinta a seguire il proprio istinto e a comprarlo senza pensare alle possibili conseguenze. E così, inaspettatamente, Kestrel si ritrova a dover nascondere l’amore che inizia a sentire per Arin, un sentimento che si intensifica giorno dopo giorno. Ma la ragazza non sa che anche il giovane schiavo nasconde un segreto e che per stare insieme i due amanti dovranno accettare di tradire la loro gente o altrimenti tradire sé stessi per rimanere fedeli al proprio popolo. Kestrel imparerà velocemente che il prezzo da pagare per l’uomo che ama è molto più alto di quello che avrebbe mai potuto immaginare…

2 commenti:

  1. Peccato non ti abbia entusiasmata :\ io sono in dubbio, non so se leggerlo o meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando stra-piace a tanti mi aspetto sempre qualcosa di incredibile xD

      Elimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ