social

http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html     http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

EVIDENZA

RECENSIONE - Una ragazza inglese di Beatrice Mariani | Sperling & Kupfer










CONTINUA A LEGGERE...

25 settembre 2017

Chi Ben Comincia #24 - The Gift (Katie Corfield #1) di Rebecca Daniels | Dunwich Edizioni

È una rubrica ideata dal blog Il profumo dei libri. Consiste nel postare l'incipit di un  libro in lettura o di uno qualsiasi che abbia catturato il nostro interesse.
La rubrica Chi ben comincia oggi propone l'incipit di The Gift (Katie Corfield #1) di Rebecca Daniels edito Dunwich Edizioni e che ho già recensito qui. Siccome mi è piaciuto ho deciso di proporre le prime battute a voi lettori che magari non conoscete ancora questo romanzo. Buona lettura!

TITOLO: The Gift (Katie Corfield 1)
AUTORE: Rebecca Daniels
EDITORE: Dunwich Edizioni
GENERE: Thriller sovrannaturale
PREZZO: ebook 3,99 € | cart. 12,90 €
PAGINE: 240
«Ancora non mi è ben chiaro perché tu sia in macchina con me.» La ragazza alla guida teneva gli occhi sulla strada. I contorni del bosco sfrecciavano indistinti alla loro sinistra, mentre dall’altro lato della carreggiata si intuivano appena i contorni delle abitazioni. Le uniche luci erano quelle dell’auto. «Non fraintendermi. So che siamo amiche e tutto il resto, solo che non ricordo dove dobbiamo andare.»
Katie le rivolse un sorriso rassicurante. «Non preoccuparti, non mi sono offesa. Stiamo andando alla festa di Rick.»
«No, la festa di Rick c’è già stata.»
«Ne sei proprio sicura? Se è già passata raccontami come è andata.»
La giovane si fece pensierosa e si portò una mano alla fronte. Era un gesto che stava ripetendo parecchio, soprattutto negli ultimi minuti di un viaggio che stava andando avanti da molto tempo. Procedevano sulla S Border Rd da almeno mezz’ora, probabilmente di più, e il paesaggio non era mai cambiato: boschi da un lato e case apparentemente disabitate dall’altro. Non avevano incontrato nessun altro veicolo.
Era in casi come quelli che il compito di Katie era più facile, quando era chiaro che non si trovava in un luogo reale, nonostante le sue percezioni tentassero di ingannarla.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ