social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

Clicca sul banner per andare ai GIVEAWAY dell'anniversario!
https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

18 settembre 2017

Chi Ben Comincia #23 - Fairfax & Coldwin di Alessio Filisdeo | Nativi Digitali Edizioni

È una rubrica ideata dal blog Il profumo dei libri. Consiste nel postare l'incipit di un  libro in lettura o di uno qualsiasi che abbia catturato il nostro interesse.
La rubrica Chi ben comincia oggi ospita l'incipit di Fairfax & Coldwin di Alessio Filisdeo, un fantasy storico dalle sfumature gotiche. Siccome uscirà il 20 settembre, potrete gustarvi l'inizio in anticipo.
  
TITOLO: Fairfax & Coldwin
AUTORE: Alessio Filisdeo
EDITORE: Nativi Digitali Edizioni
GENERE: Gotico, Fantasy Storico
PREZZO: ebook 3,99 € | cart. 12 €
PAGINE: 280
Il teatro era in visibilio. Gli applausi scroscianti, i “bravo!”, le rose profumate lanciate verso il palco. I gentiluomini, in piedi. Le dame sorridenti nei loro palchetti. Sotto quella luce, sullo sfondo degli stucchi bianchissimi del soffitto, i lampadari di cristallo e le pareti foderate di un brillante cremisi, ogni cosa aveva assunto un’aura di magico, di sensazionale. I bastoni da passeggio laccati vibravano sotto il clamore della sala; gli orecchini preziosi delle donne ondeggiavano ai lobi; i guanti di pizzo non riuscivano a trattenere l’entusiasmo, l’apprezzamento delle mani tutte. L’eco era assordante, da capogiro: una festa di voci, suoni, abiti da sera, balze e jabot. Ed era tutto per lei. Ogni cosa. Quello era il suo momento. Finalmente. Perché gli occhi di tutti non erano puntati alle sue spalle, su quegli incapaci attorucoli da quattro soldi, ma su di lei. Erano sguardi ammirati, incantanti e addirittura infatuati. Le carezzavano il viso, le ciocche castane, il profilo dei seni e il corsetto che li conteneva. Le baciavano le labbra rosee, le tenevano il palmo della mano, le riconoscevano dopo tanta fatica la bravura che aveva sempre posseduto, il talento, il dono represso ma mai svanito.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ