3 aprile 2017

SEGNALAZIONE - Pubblicazioni Sperling & Kupfer narrativa | Aprile

Aprile dolce dormire leggere con Sperling & Kupfer. Le prime pubblicazioni a partire da domani.


4 aprile
TITOLO: Storia della piccola volpe che mi insegnò il perdono
AUTORE: Sergio Bambarén
GENERE
: Narrativa
PREZZO: cartaceo 15,90 €
PAGINE: 112

TRAMA
Tra spiritualità e racconto, Bambarén offre una storia di vita nella natura denunciando la fragilità del pianeta. Protagonista la piccola volpe selvatica che l’autore ha chiamato Chiqui, da Chiquita ovvero piccolina, e con la quale instaura un dialogo silenzioso e toccante. Intorno a loro vivono altri piccoli animali, dal granchio al delfino, dal formichiere all’usignolo, che finiscono per costituire una piccola famiglia. Una storia vera, un inno all’amore e al rispetto per l’altro, in qualsiasi forma.  

11 aprile
TITOLO: Seeker 3 La ragazza del destino
AUTORE: Arwen Ely Dayton
GENERE
: Fantasy
PREZZO: cartaceo 18,90 €
PAGINE: 384

TRAMA
Per tutta la vita Quin è stata solo una pedina nelle mani del padre. È stata addestrata per uccidere e manipolata per garantire il potere alla sua famiglia. Ma anche adesso che è riuscita a scappare da quel disegno fatto di violenza e inganni, Quin si trova invece di nuovo in trappola, vittima suo malgrado di una trama ordita da secoli, generazione dopo generazione. Nulla può fermare la forza del tempo e del destino, o forse sì. Perché Quin non è più disposta a essere una pedina. Lei è una Seeker. La sua missione è di portare luce nell’oscurità del mondo. Per salvare sè stessa e le persone che ama, dovrà però affrontare la vendetta del passato e i suoi amici, o se non altro morirà provandoci.

11 aprile
TITOLO: Shake my colors. La mia luce sei tu
AUTORE: Silvia Montemurro
GENERE
: Young Adult
PREZZO: cartaceo 16,90 €
PAGINE: 288

TRAMA
Laura ha diciassette anni e ama il pattinaggio più di ogni altra cosa. È solo lì, sul ghiaccio, che si sente davvero sè stessa. Perché fin da quando è nata, non può vedere i colori e il mondo spesso è una trappola in bianco e nero. Paolo, il suo migliore amico, è l’unico a capire cosa tutto ciò significhi per lei ed è la sua àncora di salvezza. Sono cresciuti insieme in un paesino affacciato sul lago di Como, conoscono tutto l’uno dell’altra e custodiscono i reciproci sogni.
E poi, un giorno, Laura incontra Geo. Capelli lunghi stretti in una coda da cui sfugge qualche ciuffo ribelle, gesti decisi di chi sa quello che vuole e uno sguardo che la fa vacillare.
Non riesce a vedere il colore di quegli occhi, ma le basta poco per capire che da quell’incontro la sua vita non sarà più come prima. Qualcosa li spinge l’uno verso l’altra, un’attrazione a cui non ha senso resistere. La passione che nasce è così travolgente da lasciarli senza fiato.
Eppure ci sono dei silenzi tra loro, perché entrambi stanno nascondendo qualcosa. Laura non ha ancora trovato il coraggio di parlagli del suo problema alla vista, e Geo… cosa nasconde Geo?

18 aprile
TITOLO: Ti vedo per la prima volta
AUTORE: Diego Galdino
GENERE
: Narrativa
PREZZO: cartaceo 17,90 €
PAGINE: 276

TRAMA
Josephine ha grandi occhi verdi e un sorriso contagioso, nonostante la vita l'abbia presto messa alla prova costringendola a convivere con una malattia che le rende difficili anche le azioni più semplici, e che lei esorcizza tramite la fotografia, grazie a una vecchia polaroid appartenuta a sua madre. Anche se lei, in realtà, sua madre non l'ha mai conosciuta. Anzi, l'ha creduta morta per anni e, quando ha scoperto la verità, ormai era troppo tardi. In compenso però ha trovato una nuova famiglia: tre fratellastri di cui non ha mai sospettato l'esistenza. Carlotta, Emilia e Lorenzo.
Arrivata a Roma per scoprire qualcosa di più del suo passato e del suo inaspettato presente, Josephine è subito stregata dal romanticismo della città eterna. Abituata a guardarne le immagini in televisione o al cinema o sui libri, vedere dal vivo tanta meraviglia le dà quasi alla testa. Così, mentre il suo cicerone d'eccezione, Lorenzo, la guida attraverso i luoghi preferiti dalla madre e alla scoperta di incantevoli angoli nascosti, Josephine deve ammettere a sé stessa che è pressoché inevitabile innamorarsi di Roma, così come di quel ragazzo dagli occhi gentili...

18 aprile
TITOLO: Tutti i nostri oggi sbagliati
AUTORE: Elan Mastai
GENERE
: Narrativa
PREZZO: cartaceo 18,90 €
PAGINE: 384

TRAMA
Il mondo di Tom Barren è una sorta di paradiso tecnologico all’insegna del progresso e del benessere per tutti. Eppure, lui si sente fuori luogo. Trentenne senza arte né parte, figlio di uno scienziato che lo disprezza, orfano della madre, che era l’unica ad amarlo, è innamorato di una ragazza che non lo ricambia ma per la quale sarebbe disposto a tutto. Persino a sfidare le regole dello spazio e del tempo pur di cancellare un errore fatale…
Dopo un viaggio nel tempo, e un incidente di cui è responsabile, Tom si ritrova in un mondo disastroso che stenta a riconoscere: la nostra realtà. Eppure, in questo oggi per lui sbagliato, scopre di avere una carriera invidiabile, un’intera famiglia che lo ama e forse, finalmente, un’anima gemella. E allora, meglio tentare di restituire all’umanità l’utopia perduta, o restare a godersi la felicità in questo mondo imperfetto?

18 aprile
TITOLO: Traveller
AUTORE: Alexandra Bracken
GENERE
: Fantasy
PREZZO: cartaceo 18,90 €
PAGINE: 468

TRAMA
Etta Spencer non sapeva di poter viaggiare nel tempo fino al giorno in cui si è ritrovata a chilometri e secoli di distanza da casa sua. Ora, di nuovo sola, in un luogo e in un tempo a lei sconosciuti, lontana dal ragazzo che ama e derubata dell'unico oggetto che avrebbe potuto proteggere la linea temporale e salvare sua madre, Etta deve fare i conti con una scioccante rivelazione. Una verità in grado di mettere in discussione tutto quello per cui ha combattuto fino ad ora, e che potrebbe cambiare pericolosamente per sempre il suo futuro.

18 aprile
TITOLO: Mentre il tempo brucia
AUTORE: Mary Higgins Clark
GENERE
: Gialli
PREZZO: cartaceo 19,90 €
PAGINE: 348

TRAMA
A ventisei anni Delaney Wright ha già bruciato le tappe della sua carriera di giornalista. Sta per diventare una vera e propria star, perché è lei a occuparsi del processo più discusso del momento e sarà sempre lei a lanciare le ultime notizie sul caso al telegiornale più visto della giornata. Dovrebbe essere una ragazza felice, quindi, ma le soddisfazioni professionali non riescono a distoglierla da un pensiero fisso, quasi un’ossessione ormai. Delaney, infatti, desidera con tutte le sue forze scoprire la vera identità della madre biologica, che non ha mai conosciuto. Gli unici che conoscono la verità, ma che hanno deciso di tenere il segreto, per il momento, sono Alvirah e Willy Meehan, i due maturi coniugi che si sono trasferiti a New York dopo aver vinto un’enorme somma di denaro alla lotteria. Al processo, intanto, l’imputata Betsy Grant, che è accusata di aver ucciso il ricchissimo marito malato di Alzheimer, rifiuta il patteggiamento, decisa invece a provare la propria innocenza. In ballo c’è una grossa eredità, e anche il suo figliastro Alan Grant non vede l’ora che tutto finisca: deve mantenere l’ex moglie e i figli, per non parlare della montagna di debiti che ha contratto con creditori tutt’altro che pacifici. Il corso della giustizia però prende una piega imprevista: le prove contro Betsy sembrano diventare schiaccianti, e Delaney rimane la sua unica salvezza, la sola persona che le crede. Mentre il tempo brucia.

18 aprile
TITOLO: Il piccolo museo dei cuori infiniti
AUTORE: Meg Leder
GENERE
: Narrativa
PREZZO: cartaceo 17,90 €
PAGINE: 288

TRAMA
Penelope ha sedici anni, quasi diciassette, e non è mai stata innamorata. Suo padre lavora al museo di storia naturale e lei ha trascorso l’infanzia circondata da dinosauri e dai suoi due migliori amici: Eph, artista per vocazione, e la bella e popolare Audrey. Il liceo sta filando liscio, privo di drammi, quando Keats, bello, affascinante e brillante, arriva a scuola e sconvolge tutto. Penelope si ritrova così con il cuore spezzato e decide di fondare un museo per curare le ferite e raccogliere tutti gli oggetti che raccontano l’estasi e la delusione del suo primo amore. Perché, a volte, lasciar andare il passato è l’unico modo per trovare il proprio futuro.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ