22 novembre 2016

RECENSIONE - Io sono buio di Kiersten White (And I Darken, The Conquerers Saga #1) | Fabbri Editori

TITOLO: Io sono buio
AUTORE: Kiersten White
EDITORE: Fabbri Editori

Salve peccatori, da appassionata della famiglia Dracul, ho adocchiato subito questo libro. Ammetto che quando ho letto "romanzo gotico" e "figlia di Vlad Dracul", non ci ho visto più, però… mi aspettavo qualcosa di diverso più orientato al fantasy, horror e gotico, ma diciamo che è gotico fino a un certo punto perché il massimo delle atmosfere cupe e decadenti è racchiuso nella parte iniziale del testo quando ci si trova nel castello di famiglia… se dovessi definire Io sono buio direi: è una fiction storica che ripercorre i passi dei Dracul tra Valacchia e Impero Ottomano prendendo come personaggio principale la figlia di Vlad... Ladislav.

La protagonista, detta Leda, è in un contesto dove avere figlie femmine non è un bene per la discendenza, ma la ragazza, capendo ciò, farà di tutto per guadagnarsi un posto nel mondo e farsi valere. 

Leda, soprattutto da bambina, si dimostra degna figlia di suo padre: selvaggia, spietata, combattente, prepotente, dittatoriale... gentile (per quanto possa essere gentile) solo con il suo amico di infanzia Bodgan, disprezzando persino suo fratello Radu, di tutta altra pasta rispetto a lei e cioè debole, piagnucolone, ma almeno bello e intelligente. Radu è sempre stato invidioso del ruolo di Bodgan nella vita della sorella. Il rapporto tra Leda e Radu è seppellito sotto le differenze, ma tengono l'una all'altro anche se in modo inconsueto; mentre quello tra Leda e Bodgan è sbilanciato perché appare come un legame tra padrone e servo (e Bodgan in effetti e anche figlio di servi), ma cela un lato molto tenero e quando i due si separano mi dispiace molto soprattutto dopo un momento dolcissimo che vorrei davvero raccontarvi ma non voglio rovinarvi, perciò… mi lego le dita.

Vlad Dracul per esigenze belliche abbandona i suoi figli nell’Impero Ottomano al sultanato di Murad II, qui Leda e Radu crescono in modo diverso e conoscono il figlio del faraone: Mehmed. Dirò la verità, la lettura non è poi tanto leggera, tra tutte le dinamiche famigliari, politiche e territoriali, ma è sicuramente affascinante e appassionante. 

Crescere con Leda in un mondo creato per gli uomini è un’esperienza che cattura, soprattutto quando Leda scopre il suo lato femminile: sesso e sentimenti, il voler farsi desiderare, ma nulla la distoglie dalla sua indipendenza e voglia di rivalsa, né la ricchezza, né l’amore.

Un’avventura incredibile che lascia senza fiato e con la stessa soddisfazione che riempie il cuore di Leda alla fine del libro, nonostante tutte le batoste e le delusioni. La scrittura è fruibile, però il testo è ricco.

Cos’altro ho apprezzato? I dettagli... anche sull’impalamento… ne ho saputo di più, e come si sente dire: non si finisce mai di imparlare. 

❤❤❤❤

TRAMA

Una principessa non dovrebbe essere brutale. Ma Lada, figlia di Vlad Dracul, è diversa da ogni altra: affamata di potere fin da piccola, preferisce la lotta e i coltelli alle bambole. L’esatto contrario del fratello Radu, dolce, bellissimo e delicato come un bocciolo di rosa. Quando i due vengono lasciati in ostaggio dal padre, ancora bambini, al sultano dell’Impero Ottomano – prigionieri di un sovrano crudele e sottomessi a una cultura completamente diversa dalla propria – Lada inizia a progettare la sua spietata vendetta. Mentre la ragazza si prepara a combattere, il figlio del sultano Mehmed si mette tra lei e il fratello, spingendoli a diventare rivali. E in questo triangolo avvelenato forze potenti tendono gli animi: desideri di riscatto, gelosie tremende e un’ambizione sfrenata. Avvolta in un vortice di passioni turbinose, Lada si troverà di fronte alla scelta più difficile: portare a termine il suo piano o arrendersi all’unico nemico che forse non è in grado di sconfiggere, l’amore.

English small-Review
TITLE: And I Darken (The Conquerers Saga #1)
AUTHOR: Kiersten White

And I DarkenIf I had to define And I Darken I would say that is a historical drama that traces the steps of Dracul of Wallachia and the Ottoman Empire by taking as the main character's daughter Vlad: Ladislav. 
Leda, especially as a child, proves worthy daughter of her father: wild, fierce, fighter, overbearing, dictatorial... while his brother Radu, beautiful and intelligent, does not stand out for combative qualities. 
Vlad Dracul for war needs abandons his children in the Ottoman Empire to the Sultanate of Murad II, here Leda and Radu grow differently and know the Pharaoh's son. 
I tell the truth, the reading is not so light, of all the family dynamics, political and territorial, but it is certainly fascinating and exciting. 
Growing with Leda in a world created by men is an experience that captures, especially when Leda discovers her feminine side. 
An incredible adventure that leaves you breathless and with the same satisfaction that fills the heart of Leda at the end of the book.

❤❤❤❤

SYNOPSIS

This vividly rendered novel reads like HBO’s Game of Thrones... if it were set in the Ottoman Empire. Ambitious in scope and intimate in execution, the story’s atmospheric setting is rife with political intrigue, with a deftly plotted narrative driven by fiercely passionate characters. Fans of Victoria Aveyard’s THE RED QUEEN, Kristin Cashore’s GRACELING, and Sabaa Tahir’s AN EMBER IN THE ASHES won’t want to miss this visceral, immersive, and mesmerizing novel, the first in a trilogy.

NO ONE EXPECTS A PRINCESS TO BE BRUTAL. And Lada Dragwlya likes it that way. Ever since she and her gentle younger brother, Radu, were wrenched from their homeland of Wallachia and abandoned by their father to be raised in the Ottoman courts, Lada has known that being ruthless is the key to survival. She and Radu are doomed to act as pawns in a vicious game, an unseen sword hovering over their every move. For the lineage that makes them special also makes them targets.

Lada despises the Ottomans and bides her time, planning her vengeance for the day when she can return to Wallachia and claim her birthright. Radu longs only for a place where he feels safe. And when they meet Mehmed, the defiant and lonely son of the sultan, who’s expected to rule a nation, Radu feels that he’s made a true friend—and Lada wonders if she’s finally found someone worthy of her passion.

But Mehmed is heir to the very empire that Lada has sworn to fight against—and that Radu now considers home. Together, Lada, Radu, and Mehmed form a toxic triangle that strains the bonds of love and loyalty to the breaking point.

From New York Times bestselling author Kiersten White comes the first book in a dark, sweeping new series in which heads will roll, bodies will be impaled... and hearts will be broken.

2 commenti:

  1. E' la prima recensione che leggo su questo romanzo, e niente, hai confermato ciò che mi aspettavo! :D Non vedo l'ora di leggerlo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di legere altri pareri ^_^

      Elimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ