social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/b5/03/36/b503369c35efae10ddc722abfc6b42b5.jpg
Primo giveaway QUI

10 ottobre 2016

RECENSIONE - La collezionista di libri proibiti di Cinzia Giorgio | Newton Compton Editori

TITOLO: La collezionista di libri proibiti
AUTORE: Cinzia Giorgio
EDITORE: Newton Compton Editori


Sinceramente, il romanzo storico non è nelle mie corde, ma leggendo La collezionista di libri proibiti non sono andata poi tanto indietro nel tempo, ma è come se avessi ascoltato un aneddoto di famiglia.

La protagonista è Olimpia, prima una ragazzina forte e attenta, poi una donna ancor più forte e determinata, completamente innamorata dei libri. Il suo ingresso nella antica "libreria" di Anselmo sembra una manna dal cielo, come se il lavoro dei suoi sogni e il suo futuro l’avessero accolta a braccia aperte. Mi sono sentita molto vicina a Olimpia, felice per la sua felicità, eccitata per ogni sua scoperta, e invidiosa di questo tocco di fortuna nella sua esistenza che alla fine la colmerà di gioie e soddisfazioni, anche se condite di batoste e scelte difficili. Ma come detto, Olimpia è forte.

La trama unisce passato e fantasia, e vi è una quantità di dettagli davvero ammirevole, l’autrice ha saputo descrivere con sapienza il lavoro dell’antiquario, soprattutto la sfera che riguarda i testi antichi, e sicuramente è una scrittrice che non solo ama i libri, ma anche la storia che non raccontano tra le loro pagine. Personalmente, scoprire di copertine, rilegature, stampe, mi ha affascinata e catapultata nella bottega di Anselmo e trai suoi scaffali.
Strana e bella sensazione quella di percepire profumi, atmosfere e superfici, pur non muovendosi dal proprio letto. È stata una full immersion.

Ne La collezionista di libri proibiti oltre all'elemento portante che riguarda testi e "reliquie", troviamo anche una storia d’amore che si incastona molto bene nelle vicende, ci fa sorridere e piangere, non nasce in uno schiocco di dita e non monopolizza l'attenzione. Conferisce quel sapore agrodolce al romanzo che persevera fino all'epilogo. Anche noi ci innamoreremo, non come Olimpia, ma molti personaggi si lasceranno amare e perderli sarà triste per il lettore affezionato. Sicuramente il mio preferito, non me ne voglia la cara Olimpia, è Anselmo. Lui ha dato il via a tutto, è quel nonno che ti coccola e ti accontenta e che con il suo sapere indirizza verso maturità e consapevolezza. Un personaggio che anche se col tempo diventa meno presente, è per me semplicemente indimenticabile.

Cinzia Giorgio mi ha davvero stupita e rapita, e nonostante la pienezza e il calore che trasmette il testo, la lettura è molto scorrevole. Consiglio La collezionista di libri proibiti perché è un libro che ti lascia belle sensazioni e riesce a emozionare: una lettura interessante, non banale e appassionante.


❤❤❤1/2

TRAMA

Venezia, estate 1975. Olimpia ha solo quindici anni quando conosce Anselmo Calvani, proprietario di una storica bottega d’antiquariato. È un incontro decisivo, Anselmo intuisce subito l’intelligenza e la sensibilità della ragazza e la incoraggia a seguire la sua inclinazione. Giovanissima ma già appassionata lettrice, Olimpia comincia a frequentare il suo negozio, a lavorare lì e, con il suo aiuto, inizia a collezionare preziosi libri messi all’indice dalla Chiesa. Mentre cresce la sua passione per quei volumi antichi, anche quella per Davide, il nipote di Anselmo, segreta e non dichiarata, brucia l’animo della ragazza. E una notte, sospinti dalla lettura dei versi erotici di una cortigiana veneziana, i due cedono ai loro sentimenti…
Parigi, estate 1999. Olimpia vive ormai nella capitale francese. Ha aperto una casa d’aste, specializzata in libri e manoscritti antichi, tra le più quotate ed eleganti della città. Ogni anno riceve da Davide uno strano regalo: un pacchetto che contiene lettere un tempo censurate, insieme a un libro considerato in passato “proibito”, di cui Olimpia riconosce il grande valore. Sono l’eredità di Anselmo... Ma come poteva un modesto antiquario veneziano esserne in possesso? E che legame c’è tra quelle lettere e la bottega da cui provengono?

10 commenti:

  1. Ti è piaciuto molto 😍 si vede da come ne hai parlato nella recensione. Mi piace il fatto che il libri sia ricco di dettagli e anche che tu lo consideri non banale. Da farci un pensiero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando un libro prende, alcune frasi si scrivono quasi da sole. Se ami i libri, il loro passato, e le donne che si affermano con le proprie forze, te lo consiglio.

      Elimina
  2. non sapevo se lasciarlo in wish-list.. ora ne sono convinta *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E me che non piacciono i libri nel passato, è piaciuto... se già ti piacciono le atmosfere un po' retrò, allora ci andrai a nozze.

      Elimina
  3. Quanto vorrei leggerlo! Ho letto soltanto recensioni positive e dalla trama mi sembra molto valido! *-*

    RispondiElimina
  4. "Personalmente, scoprire di copertine, rilegature, stampe, mi ha affascinata e catapultata nella bottega di Anselmo e trai suoi scaffali."

    Io queste cose le studio all'università quindi devo assolutamente leggerlo, quello del libro antico è un mondo davvero affascinante *____*

    RispondiElimina
  5. Questo libro mi incuriosisce tanto ..
    Ho letto anche recensioni positive presto lo inizierò ❤

    RispondiElimina
  6. ottima recensione, mi hai davvero incuriosito. questo romanzo è entrato nella mia WL dei prossimi acquisti =)

    RispondiElimina
  7. Bellissima recensione, mi ha incuriosita ancora di più su questo libro che voglio leggere assolutamente! Grazie del consiglio <3

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ