social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

TENTATE LA FORTUNA! Questo Natale potreste avere regali extra! 3 giveaway con cartacei ed ebook!

10 giugno 2016

Pagina69 #56 Cascina Smorta

Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69.

Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 di Cascina Smorta di Antonio Zamberletti... è caccia al serial killer con Runa Editrice.

Evento: sabato 11/6 alle ore 18:00 presentazione alla Libreria 6 rosso - via Alfredo Albertini, 6, Milano

M’incamminai sotto il porticato. Il bar, la bottega di un parrucchiere, una lavanderia. Tutto uguale, tutto come vent’anni prima... No... La lavanderia non c’era più, al suo posto vidi una sala giochi e scommesse buia come l’antro d’un orco. 
M’infilai nella seconda laterale, fermandomi in fondo alla strada, dove le case non erano più parallelepipedi di cemento grigio ma palazzine di due o tre piani tutte uguali, e in fondo diventavano sempre più rade. L’ultima costruzione era un piccolo capannone, davanti al quale c’era un ragazzo che sembrava un clone degli altri tre, ma senza lo stereo. Se ne stava appollaiato su uno scooter come un pappagallo sul suo trespolo. Mi avvicinai e gli dissi: – C’è Modica per Delli Santi.
– Eh? – fece lui.
Doveva avere sedici o diciassette anni. Portava una felpa grigia, jeans tagliati e un cappellino con la visiera messa di traverso.
– Modica. – Feci un sorriso. – Dai, prendi il cellulare e avvisalo. Tanto lo devi fare comunque, no?
Lui mi studiò per un attimo e tolse di tasca un cellulare, io mi guardai in giro e ripensai a quello che mi aveva detto Ridolfi sul quartiere Monfalcone.
Se lì vivevano tutti di ricordi, come mai Tino Delli Santi aveva quattro vedette?
Il ragazzino abbassò il cellulare. Sembrava sorpreso.
– Fammi indovinare – gli dissi. – Ti ha anche raccomandato che non succeda nulla alla mia macchina?
Lui annuì e fece un grugnito.
Non vedevo Delli Santi soltanto da sei o sette mesi, ma...

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ