social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

6 maggio 2016

Pagina69 #52 Non merito il tuo amore

Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69.

Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 di Non merito il tuo amore di Samantha L'Ile, una storia intensa e drammaticamente romantica che mette a nudo due anime ferite, certe di non meritare l’amore eppure incapaci di resistervi.



Amazon
Il cucciolo scuro le sarebbe mancato ed era andato via senza un nome, sarebbe stato battezzato dai suoi padroni ma le sembrava di aver perso qualcosa. Poi Stefano aveva fischiato e il suo piccole eroe peloso era corso da lei, trotterellando giù dai gradini con malagrazia.
«Sei ancora qui, che bello!» Le era saltato con le zampe addosso alle gambe e lei aveva versato qualche lacrimuccia. «Non l’avete ancora venduto? Mi sembra impossibile, è il più bello di tutti. Vero biscottino?»
«Biscottino? È così che lo vuoi chiamare?»
Camilla rise al tono preoccupato di Stefano e si asciugò gli occhi. «No! Quanto tempo abbiamo prima che se ne vada?»
«Non lo so, forse la prossima volta che verrà Alex. Per allora gli avremo trovato un nome.»
«Speriamo di farcela.»
«Assicurato.» Aveva risposto Stefano in tono solenne, come se fosse una promessa. 
A volte i loro momenti insieme erano silenziosi, in altre occasioni parlavano tanto, di tutto e di niente in particolare. Non avevano più accennato al loro passato e alle cicatrici che portavano, come era accaduto al lago verde. Forse Stefano non riteneva ci fosse altro da dire sulla sua storia né altro da chiedere su quella di Camilla e lei glielo aveva lasciato credere. Non voleva che lui scoprisse il suo terribile segreto, l’avrebbe disgustato, l’avrebbe odiata.
Stranamente la loro amicizia era rimasta segreta agli abitanti del paese e soprattutto a Denise. Camilla aveva scoperto che la donna faceva rapporto a Maria e a sua madre riguardo alle sue giornate, agli spostamenti e a qualsiasi informazione riuscisse a carpire. Un loro avvistamento sarebbe stato una fonte enorme di pettegolezzi, la Vedova Bianca e Il Fulminato, un’accoppiata che avrebbe alimentato le chiacchiere per mesi.
La speranza che la loro frequentazione non si scoprisse fu presto infranta. L’ultimo sabato di giugno Camilla aveva appuntamento per tingere i capelli e nascondere quelli bianchi, pochi ma situati tutti in posizione strategica sul davanti. Era appena entrata nel negozio e non aveva ancora richiuso la porta, che Denise era subito partita con la ramanzina.

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ