social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

1 aprile 2016

Pagina69 #48 Puzzle di cuori

Secondo Marshall Mc Luhan, per decidere se comprare un libro, bisogna affidarsi alla pagina 69.

Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.

Pagina 69 da Puzzle di cuori di Ledra, un romance.




Puttaniere. Bastardo. Stronzo. Ecco cosa sei. Continuava a ripetersi nel cervello. Rossella stava per scoppiare in lacrime oppure esplodere di rabbia. Non aveva ben chiaro cosa scegliere anche se si rendeva conto che lui non le aveva mai fatto intendere che gli piacesse.
Si sistemò meglio dietro l’angolo e sperò che l’unica nuvola che copriva la luna si dileguasse in fretta per vedere meglio. Il cielo era di un blu zaffiro da togliere il fiato e per un attimo lei ammirò quella vastità infinita. Le sembrava di poterlo toccare e nello stesso tempo di essere un minuscolo granello di polvere nell’Universo. Si mise la mano sullo stomaco e inspirò cercando di calmarsi e di osservare la scena da un punto di vista oggettivo. Peccato che le venisse solo voglia di prendere un badile e di darlo in testa a quella troiona. Sorrise. Visualizzò lo stonck selvaggio e la faccia di Luca quando avrebbe preso la seconda badilata direttamente nei denti. Josie intanto si stava avvinghiando a Luca come un polipo. Rossella lo vide arretrare mentre l’altra lo accarezzava sul torace. Maledetta nuvola, vattene, pensò adirata. Non ci vedeva benissimo, ma le luci della cucina che uscivano dalla finestra le permettevano quel poco di visibilità che bastava ad accorgersi che Josie si era cambiata. Invece dei bermuda e della polo che aveva a cena, ora indossava un vestito sottoveste inguinale che assomigliava a un babydoll. Rossella digrignò i denti.

3 commenti:

  1. Grazie metto subito questa pagina nella mia pagina I libri di Ledra :)

    RispondiElimina
  2. Molto interessante questa tua nuova rubrica. Mi ispira molto! Posso "rubartela"? E se ti proponessi una "collaborazione" inserendo rispettivamente il link che rimanda al blog altrui? Fammi sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usarla, certo! Mi farebbe piacere se mi citassi come ideatrice dell'iniziativa, grazie ^-^

      Elimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ