social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

10 novembre 2015

Teaser Tuesday #27

 Regole del Teaser Tuesday:
  • Prendi il libro che stai leggendo in una pagina a caso;
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina (Teaser);
  • Attento a non fare spoiler;
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto;
  • Ovviamente si posta il martedì (Tuesday).  
Da un romanzo di prossima pubblicazione
 a base di furie, vampiri e licantropi... di cosa sto parlando?

L'estratto di oggi...
Diciotto anni senza dirmi che avevo vissuto fianco a fianco con il mio consorte, avevano deciso di illudermi, di farmi sognare il giorno in cui lo avrei incontrato.
Perché?
Sentii gli artigli allungarsi, stava funzionando ovviamente, però dovevo cercare di rimanere me stessa, non dovevo perdere completamente la testa altrimenti mi sarei trovata davvero in Alaska.
La pelle iniziò a surriscaldarsi, sembrava mi stessi avvicinando sempre di più a un grande fuoco, cercai di resistere, ma il dolore era davvero troppo. Calde lacrime iniziarono a bagnarmi la faccia.
Dio, il fuoco, andavo a fuoco.
Iniziai a singhiozzare e gemere di dolore quando la schiena cominciò a bruciarmi ancora più forte, ma era un bruciore diverso, sentivo qualcosa che premeva contro la mia pelle cercando di lacerarla dall’interno. Urlai con tutto il fiato che avevo in gola, piegandomi in avanti e cadendo a faccia in giù sulla terra fredda, quando gli artigli mi tagliarono la pelle e le ali si avvolsero attorno a me come un bozzolo.
Per un attimo il dolore sembrò darmi tregua e provai una strana sensazione di benessere in quella posizione, ero come isolata dal mondo, riuscivo addirittura a sopportare il dolore della trasformazione.
Mi concentrai sul mio corpo, sulla sensazione della terra sotto di me, l'aria sulla pelle nuda.
“Non cedere, non cedere” ripetevo a me stessa.
da... 
dal 18 novembre
TITOLO: La stella dell'Eire
AUTORE
: Valentina Marcone
EDITORE: Nativi Digitali Edizioni







Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ