11 giugno 2015

RECENSIONE - Frittata alle ortiche di Mara Roberti

TITOLO:  Frittata alle ortiche
AUTORE
: Mara Roberti
EDITORE: Emma Books

Frittata alle ortiche è una storia di famiglia, di non detti e di rancori, che vede due sorelle come protagoniste, l’una l’opposto dall’altra, il giorno e la notte, eppure proprio come il giorno e la notte trovano un punto di incontro. Ho amato Elena e Giulia, il loro è un rapporto complesso e conflittuale ma alla fine emerge sempre l'affetto.
Questo è un racconto di sentimenti, di scontri e piccoli segreti… 

Giulia aggrottò le sopracciglia. Il cuore le batteva all’impazzata nel petto. Lo sapeva, in realtà. Una parte di lei l’aveva sempre saputo, o almeno aveva intuito i contorni di quello che la sorella stava per dirle, ma non aveva mai voluto sforzarsi di guardare che cosa racchiudevano. «Non capisco» mormorò.
«Davvero non lo sai? Ero convinta che l’avessi sempre saputo anche tu.»
«No. Non lo so. Che cosa?»

... ed è anche toccante.
Tra le due sorelle, già sul piede di guerra, si insinua pure una vecchia amicizia, Alessio, una comparsa non troppo rilevante, eppure mi è rimasta la curiosità di sapere cosa legasse i tre in tempi passati e se Elena e Giulia fossero state rivali in amore, consapevolmente o meno. Ma, appunto, non è questo il cuore della storia, il suo fulcro è nel tema dell'errore e del perdono, dell’andare avanti nonostante tutto. Le cose si apprezzano sempre più quando ormai è troppo tardi, ma si può imparare dagli sbagli e procedere per migliorare… e perdonare può essere il primo passo.
Tra un presente malinconico e ricordi non sempre piacevoli, ci si immerge nell'atmosfera di una casa di campagna in stato d’abbandono, si assiste alla salvezza di un legame alla deriva, e si vive il deciso cambiamento di una delle due protagoniste… chi? Scopritelo...

Lo stile dell’autrice è limpido e scorrevole; i personaggi vivi; i dialoghi veri e incisivi.
La signora Enza, ad esempio, mi ha colpito molto!
«Eh, gli uomini» sbottò la signora Enza in tono affettuoso. «Sono tutti pigri, eh? Anche quelli giovani. Non li tiri mai fuori di casa...»
Giulia sentì una stretta allo stomaco su cui decise di non soffermarsi. «E suo marito, come sta il signor Eugenio?»
«E come vuoi che stia?» strillò la signora Enza con una strana combinazione di tristezza e allegria. «Sta all’ospedale, sta.»
Frittata alle ortiche è la seconda opera che leggo di Mara Roberti e anche questa è promossa!

❤❤❤❤1/2


TRAMA

2 sorelle
1 grande casa di campagna amata e in stato di abbandono
1 grosso cane nero
1 fidanzato che torna dal passato
Un dolore ancora tutto da vivere e molto da perdonare (q.b.)
Preparazione:
Dopo la morte del padre, Giulia torna nella casa di campagna della sua famiglia, in cerca di ricordi. Per riempire il vuoto lasciato dai genitori, la sorella Elena cucina a ogni pasto una ricetta speciale, che le riporta entrambe all’infanzia, a un tempo fatto di sicurezza, di sole, di abbracci e di corse sfrenate in bici. Proprio come l’incontro con Alessio, il grande amore dell’adolescenza. Ma insieme ai ricordi riemergeranno anche piccoli e grandi misteri, la fatica di volersi bene fra rancori e rimproveri taciuti troppo a lungo. In quel difficile equilibrio fra passato e presente, immersa nei sapori e negli odori della sua infanzia, Giulia troverà le risposte che cerca. E l’amore di cui ha bisogno.
Rimedio:
È la ricetta per chi non riesce a perdonare, per chi vuole riconciliarsi con il passato e tornare a vivere l’amore senza rancori.

2 commenti:

  1. Grazie! Vi svelo un segreto: la signora Enza esiste (quasi) davvero! :)

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ