social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

Clicca sul banner per andare ai GIVEAWAY dell'anniversario!
https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

12 maggio 2015

INTERVISTA - Beatrix K. e La leggenda degli Intarsicats

Salve amici lettori, è la volta di presentare un'autrice presente nel mondo editoriale anche come valutatrice ed editor: Beatrix K.

Beatrix K. Laurea triennale in Scienze della comunicazione, specializzazione biennale in Informazione e sistemi editoriali, iscrizione all'albo dei giornalisti pubblicisti del Lazio. Lavoro da quasi dieci anni come redattrice su giornali cartacei e on-line, oltre a svolgere diverse collaborazioni come valutatrice ed editor in case editrici e agenzie letterarie. Svolgo come volontaria arte-terapia in centri che seguono persone diversamente abili dove da anni conduco anche un laboratorio di scrittura creativa. Adoro leggere, scrivere, guardare le partite di calcio e i film coi super-eroi. Amo gli animali più di me stessa.


Quando hai scoperto la tua passione per la scrittura? 

Mi sono scoperta scrittrice da quando ero piccola, dimostrando una precoce capacità di linguaggio. Ognuno di noi nasce con un dono, e il mio è stato la scrittura, àncora di salvezza in tanti momenti difficili, fondamentale momento catartico e di autoanalisi che mi ha accompagnato in ogni istante che io ricordi.

Qual è stato il tuo primo testo?
Se parliamo di testi non pubblicati, da piccolina già scrivevo quaderni interi con le cronache delle partite di calcio della mia squadra del cuore, la Lazio. Seguire questo sport infatti è un’altra mia grande passione. Poi al liceo scrissi una versione ironica della “Divina Commedia”, sostituendo ai personaggi danteschi i miei compagni di classe, con nomi storpiati e tratti caricaturali. Sono sempre stata tentata di descrivere la realtà, aiutandomi a migliorarla con la fantasia. Poi ho iniziato la mia carriera giornalistica e ho pubblicato diverse inchieste, per poi passare a racconti, poesie e infine al romanzo.

Quale genere letterario ti è più affine? Quale invece non riesci a leggere e/o a scrivere?
Amo molto la poesia e sono una divoratrice di classici. Tra i generi che pure amo molto e in cui mi cimento anche, ci sono di sicuro fantasy, fantascientifico e poliziesco mentre non amo molto lo stile verista, quello storico e il rosa.

Come è stato il tuo percorso verso la pubblicazione?
Il mio percorso verso la pubblicazione è stato abbastanza casuale all’inizio, nel senso che ho scritto il romanzo con l’idea di scriverlo per me e non finalizzato alla pubblicazione. Dopo averci però lavorato più volte ed essendomi resa conto anche grazie a diversi feedback positivi di amici e conoscenti che l’idea c’era, ho iniziato a selezionare accuratamente un ventaglio di editori che mi parevano interessanti, finché non ho ricevuto diverse proposte, tra cui quella di Arduino Sacco che poi ho scelto.
Come è nata l’idea de “La leggenda degli Intarsicats”? Cosa ti ha ispirato?
L’idea covava in me da tempo, in quanto questo romanzo è interamente ispirato al mondo felino che amo da quando ero piccolissima. Mi sono fatta guidare dalle suggestioni che questi affascinanti animali mi hanno sempre ispirato, al mondo che celano dentro ai loro occhi, sperando di far innamorare di loro tante altre persone.

Quanto c’è di te in questo testo?
Molto, ci sono delle parti di me dentro i personaggi e dentro i luoghi e il mood dell’intero romanzo devo dire che rispecchia molto il mio stato d’animo. Non amo molto i romanzi in cui il protagonista si muove e parla come l’autore, per questo non ho creato una seconda Beatrice e per questo il protagonista è un ragazzo, Joao. Sicuramente però dentro di lui ci sono degli aspetti molto miei, mentre altri sono contenuti in Felicia, il suo alter ego. E poi ci sono i gatti, la mia passione, la boxe e il teatro, altre due attività che hanno segnato profondamente la mia esistenza. E lo scenario, Lisbona, città dove ancora risiede una buona parte del mio spirito.

Hai mai affrontato il “blocco dello scrittore”? Come lo hai superato?
Per fortuna non ho mai avuto periodi di blocco totale, ma so che può succedere. In effetti per la continua necessità che sento di scrivere mi pare strano possa accadere, però forse è anche fisiologico che in alcuni momenti non si riesca a comunicare il proprio mondo perché talvolta le emozioni si interrompono nel loro normale fluire ed è vero che in alcuni momenti questa sensazione di stasi l’ho percepita. Io penso che l’unico rimedio sia quello di abbandonarsi alla cura del tempo. Infatti solo aspettando pazientemente e dedicando a se stessi e alle parole il tempo che meritano, si potrà ritrovare la via della scrittura.

Cosa vuoi comunicare con il tuo romanzo “La leggenda degli Intarsicats”?
Mi piacerebbe che venisse colto il messaggio fondamentale dell’opera, ossia che ci sono momenti nella vita in cui tutto appare fermo, morto, finito: i lutti, le separazioni, i cambiamenti improvvisi che la sorte ci propone e sui quali non sempre abbiamo potere di scelta. Ecco, ogni perdita, per quanto dolorosa, può avere il merito di farci scoprire dentro di noi una forza che non pensavamo di avere e che può smuovere le montagne.

Cosa pensi del self-publishing?
Personalmente credo che ogni scrittore abbia il diritto di arrivare alla pubblicazione seguendo la via da lui ritenuta più opportuna, ma da redattrice di casa editrice io credo fermamente nel lavoro di filtro e selezione che gli editori veri e propri fanno sulle opere, certo parlo sempre di editori seri, non tutti lo sono purtroppo. Se la casa editrice lavora bene, potrà conferire al lavoro un di più preziosissimo che il self-publishing secondo me non può dare: se ognuno diventa l’editore di se stesso, come potrà essere obiettivo sul suo lavoro?

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Il progetto che ho sempre bene a mente è quello di continuare a scrivere, per cui spero presto di ultimare il mio secondo romanzo, già in lavorazione.


Grazie a Beatrice per averci dedicato il suo tempo. In bocca al lupo e buona scrittura!

2 commenti:

  1. Il libro consente di guardare diversamente alla realtà che ci passa davanti distrattamente . Un gatto specialmente per un uomo è qualcosa di sfuggente, ti mette in crisi perchè non ubbidisce a comando. Necessita studiarlo, capirlo, farsi umile. Ma spesso nei suoi atteggiamenti ti meraviglia e quindi immagini (fantasy). Certo poi se ti chiami Beatri(x) , l'incognita è da scoprire quindi da leggere!

    RispondiElimina
  2. Mi aspettavo un fantasy e invece ho trovato molto di più! La storia di Joao mi ha meravigliata e mi ha ricordato l'importanza della fantasia in un mondo materiale dove non siamo più in grado di incantarci guardando gli occhi di un gatto

    RispondiElimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ