23 marzo 2015

FILM - Divergent

DIVERGENT
Divergent è un film del 2014 diretto da Neil Burger con protagonisti Shailene Woodley e Theo James, ambientato in un futuro distopico post-apocalittico. La pellicola è la trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo del 2011, scritto da Veronica Roth, primo di una trilogia.

RECENSIONE

Non ho letto il libro quindi mi limiterò a giudicare il film.

La storia mi è piaciuta molto, come sempre, le dinamiche sociali dei distopici appaiono forzate ma è proprio il bello di queste trame e poi vedere gli estremismi venir meno è anche meglio. Una società divisa in categorie di persone con precisi ruoli, compiti e affinità: abnegati, candidi, pacifici, eruditi, intrepidi. Chi non è adatto a nessuno delle categorie diviene  un emarginato; chi non rientra in una sola gategoria è un divergente. Come si è assegnati ai gruppi? Tramite un test attitudinale che ovviamente non è un semplice compito a risposta multipla.
 "Il futuro appartiene a coloro che sanno qual'è il loro posto."
Con l'incedere della storia, si percepisce che le persone non sono catalogabili, tutti possono essere tutto, gli abnegati possono essere un po' eruditi e un po' intrepidi, così come gli eruditi possono essere un po' intrepidi. Insomma, la natura umana che tanto gli eruditi vogliono racchiudere in classi emerge sempre, ignorarla e imporre un ruolo è una dittatura!  Una dittatura che non tutti accettano.
 "Io non voglio e non posso essere una cosa sola:voglio essere intelligente,altruista,onesto,intrpido e generoso...bè sul generoso ci sto ancora lavorando" .
Non centra nulla con la recensione ma, in tutte queste categorie, dove hanno piazzato gli artisti e i creativi? Perchè io non mi sento parte di nessuna categoria esistente in divergent... ecco, sarò divergente anche io? Sfiga o fortuna?
 Io non sono un' Abnegante. Non sono un'Intrepida. Sono una Divergente.
Il film all'inizio va troppo veloce, le spiegazioni utili quasi fuggono via dallo spettatore che cerca di comprendere le dinamiche dei gruppi e della società post-apocalitica. Avrei speso due minuti in più e trattato i passaggi introduttivi con più calma perchè chi non ha letto il libro deve avere il tempo assimilare tutto.

L'ho trovato un bel film, come contenuti è quasi la quiete che precede la tempesta, ma nonostante ciò cattura: c'è azione, ci sono emozioni e situazioni che smuovono l'animo. Non c'è una storia d'amore, almeno non subito, i protagonsiti sentono da subito un felling ma questo legame non è uno dei fili conduttori principali.

Alla fine di Divergent avrei voluto  continuare assolutamente con Insurgent, infatti non vedo l'ora di proseguire l'avventura con i protagonisti: Tris e Quattro.
Una bella saga, peccato non aver letto i libri ma il film mi è piaciuto tantissimo e lo consiglio!

 


Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ