social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

3 febbraio 2015

RECENSIONE - Soul Exile di Enzo Cristofori

TITOLO: Soul Exile
AUTORE: Enzo Cristofori
EDITORE: Lettere Animate

Oggi vi parlo di un urbanfantasy, Soul Exile, che come genere mi ricorda un po’ Shadowhunters, attenzione, "mi ricorda come genere" non significa che copi, riprenda o abbia gli stessi contenuti.

Le vicende si svolgono tra Italia e Francia, il protagonista, Amos, è un cantante ma anche un mietitore, e non è l’unico al mondo. La sua falce si cela in una chitarra che si trasforma all’occorrenza. Ogni mietitore ha il suo oggetto peculiare da trasformare in arma di morte e questa caratteristica mi è piaciuta molto!

Amos è il frontman dei Dark Matter, sembra avere una grossa storia alle spalle, una storia non riproposta per intero o approfonditamente, ma che ci permette di capire la sua origine e la sua trasformazione in raccoglitore di anime.

L’altra protagonista, Melissa, beh, è la solita sprovveduta dalla cotta facile e, in effetti, il rapporto tra Amos e la ragazza non l’ho percepito molto, l’ho trovato freddo sino alla fine dove mi pare anche un po' forzato, ma non mi sono concentrata su questo, ho preferito prestare attenzione agli altri elementi della storia che mi sono piaciuti di più.

La trama è ben congegnata, pensare di affiancare la raccolta di anime da parte dei mietitori al sistema capitalista terreno è un idea insolita ma originale!
E come funziona un'impresa umana connessa alla morte e ai mietitori? Questo dovrete scoprirlo voi...
10 secondi. Quella che prima era una chitarra cambiò forma, il manico si allungò e il corpo divenne oblungo fino a creare una curva. La luce si affievolì. L’uomo era circondato ormai da 4 persone preoccupate. Nessuno si curava di ciò che Amos stava facendo. 5 secondi. Amos ora impugnava una falce dal manico rosso e la lama piena di intarsi e scritte indecifrabili. L’uomo era piegato su se stesso e tossiva pesantemente. 3 secondi. Strani tatuaggi tribali comparvero sul petto e sulla schiena di Amos che stava alzando la falce sopra la sua testa. 2 secondi. 
1 secondo...
Inoltre e per fortuna, Soul Exile ci presenta tanti personaggi a cui è possibile affezionarsi come il saggio un po’ pazzo, Rufus, davvero unico nel suo genere! La sua follia è spiritosa, spezza la tensione e la sua esistenza ha impatto anche se non è sempre presente. Altro personaggio che ho adorato è il superiore di Amos, Sebastian, che non si scopre molto ma secondo me ha più fascino dello stesso Amos che ci viene presentato come bello e dannato. Sebastian è pù maturo, composto, ha modi d'altri tempi e si percepisce come un uomo distinto, nobile, raffinato, ma comunque pronto a combattere.

La scrittura è scorrevole, veloce e non incespica. Descrittiva quanto basta, dando luce a ciò che interessa di più al lettore. Hanno molto spazio attori e azioni.

Soul Exile è vario e dinamico, non annoia, ma incuriosisce, trattiene l’attenzione e mi ha soddisfatto.
Anche se la sinossi potrebbe ricordare qualche altro romanzo, non fermatevi davanti alle apparenze.

L’epilogo lascia presupporre un seguito e io dico: perchè no?

 ❤❤❤❤❤

TRAMA

Amos è il giovane cantante di una rock band emergente e si trova a Praga per un concerto col suo gruppo, i Dark Matter. In realtà lui è un Mietitore, reclutato molti anni prima per un solo scopo: condurre le anime delle persone che stanno per morire nel luogo sconosciuto chiamato “Oltre”. Questo avviene tramite la Red Death, un'arma celeste camuffata da chitarra. La sera del concerto, dopo aver prelevato un'anima di un signore colto da infarto, gli viene segnalato il prossimo incarico: una donna di nome Melissa Fortunato morirà il giorno seguente a Milano, in Italia, e lui dovrà essere lì ad eseguire il solito lavoro.Arrivato nel luogo prefissato si rende conto che Melissa è una semplice ragazza universitaria che sta tornando a casa. Prima di recuperare l’ anima della ragazza compaiono dei tatuaggi su tutto il corpo di Amos e la sua chitarra si trasforma in una falce, in questa forma nessun mortale dovrebbe vederlo. Invece Melissa lo vede e rimane scioccata in mezzo alla strada. In quel mentre un'auto sta per investirla esattamente nel momento che era stato segnalato ad Amos. Tuttavia il ragazzo appena comprende che Melissa sta per morire a causa sua, si lancia su di lei e la salva, poi ancora sotto shock scappa via... da quel momento Amos sarà un bersaglio così come la ragazza salvata. Una storia avvincente e originale che ci farà conoscere il lato oscuro della vita.

2 commenti:

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ