23 settembre 2014

RECENSIONE - Maka di Serena Versari

Titolo: Maka - Viaggio verso la Speranza
Autore: Serena Versari
Editore: Self-Publishing


Maka è un romanzo un po’ fantasy e un po’ fantascientifico, che vede in atto una sorta di apocalisse climatica. 
Terremoti e altri eventi catastrofici uccidono metà della popolazione terrestre e quella sopravvissuta è rintanata in tendopoli. Jo, la protagonista, in questi accampamenti stringe amicizia con Jarod e Liam, ma con il primo nasce subito un certo feeling romantico. Lo scenario è accattivante e devo dire che mi incuriosisce, ma credo che i rapporti tra i protagonisti si sviluppino un po’ troppo velocemente. Dopo aver vissuto diversi shock, innamorarmi non sarebbe tra le mie priorità e non mi affezionerei subito a un estraneo appena conosciuto. 

Jarod è un soldato, scopre che c’è del marcio dietro questi eventi climatici e così decide di approfondire la questione partendo all’avventura con Liam. I complotti dietro le quinte e i giochi di potere sono un altro punto forte della storia. Mentre tutto scorre, però qualcosa non torna: non capisco la scelta di Jarod di coinvolgere Jo, ragazza appena conosciuta e per di più una civile senza il minimo addestramento o conoscenza utile a questo tipo di missione. Ecco, io questa cosa l’ho trovata sconsiderata soprattutto per un militare, sarebbe stato meglio, ad esempio, che Jo avesse assistito a una conversazione tra Jarod e Liam e, scoprendo gli altarini, avesse deciso di unirsi a loro trovando ovviamente opposizione da parte dei due maschietti.  

La prima parte di ricerca, di spiegazioni, di cospirazioni, mi piace, è tutto ben pensato, lo scenario mi conquista, ma poi, purtroppo non è portato avanti. Dopo una prima dose d’azione tutto vien abbandonato per andare alla ricerca di Maka, una terra promessa che si trova al centro della Terra.
Jarod discende dai nativi-americani e seguendo gli insegnamenti del nonno riesce a trovare questo posto paradisiaco. Ciò che concerne il sapere indiano ha molto fascino, adoro questa cultura, ma è Maka in sé che non mi convince, un luogo dove c’è cielo, mare, e un sole? Al centro del pianeta? No, non sono riuscita a concepirlo anche se è una credenza indiana, è un mio limite. 
Raggiunto Maka, i protagonisti si lasciano alle spalle le catastrofi della superfice e trovano, a loro modo, pace. Io ci sono rimasta malissimo. Dopo quella bella costruzione dello scenario da “fine del mondo” tutto è accantonato. Avevo troppe aspettative derivanti dalla prima parte (che ripeto mi è piaciuta tantissimo), e la seconda non solo non le ha soddisfatte ma poi si è diretta completamente verso nuovi lidi lasciandomi spaesata. C’erano buone scelte, buone opportunità e la conclusione in stile “favola indiana” non riesco ad accettarla. Se la prima parte avesse avuto una conclusione più morbida, forse avrei assimilato meglio anche la seconda.
La mia reazione: Noooo… non può finire così! (*Urlo di Munch*)

Credo di aver illustrato abbastanza i contenuti perciò passo alla stesura.
Ottima scorrevolezza e linguaggio pulito e diretto che rende la lettura veloce  e piacevole.

Il mio voto è di quattro su cinque, però con rimando a settembre e qui mi spiego: lo reputo un bel romanzo, particolare, originale e con ottimi spunti, e apprezzo davvero molto lo studio che l’autrice ha condotto sulla cultura indiana, ma alcune cose sono lasciate alla deriva e mi dispiace molto perché il romanzo ha un gran potenziale se da un lato lo premio per i motivi sopracitati non posso nascondere che al suo interno colgo delle mancanze ma, come sempre, è anche questione di gusti e di sensibilità.

Io lo consiglio perché è un testo che sa di nuovo.

❤❤❤❤-

 TRAMA 
Una serie di inspiegabili catastrofi naturali colpiscono la Terra, senza lasciare scampo.
Josephine nel tentativo di mettersi in salvo da un terribile terremoto, resta sepolta dalle macerie della sua stessa casa.
Viene tratta in salvo da Jarod, un militare dai profondi occhi blu cobalto e dal passato turbolento.
Ma cosa sta accadendo al pianeta?
Liam, geofisico e migliore amico di Jarod, lo aiuterà a scoprire inquietanti verità sul destino della Terra.
Gli eventi e i misteri che man mano verranno svelati, avvicineranno Josephine e Jarod e lei, con la sua semplicità riuscirà a penetrare la corazza che avvolge il suo cuore.
 photo signature_1_zpsb460c04b.gif

4 commenti:

  1. Ti ringrazio Ornella per la recensione :-)

    RispondiElimina
  2. Sono indecisa: mi incuriosisce molto, ma le mancanze che evidenzi potrebbero, in effetti, non piacermi. In ogni caso, bella recensione; mi segno il titolo ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è una lettura comunque piacevole e a me è servito respirare un po' d'aria fresca :D

      Elimina

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ