social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

31 dicembre 2013

RECENSIONE - I segreti di Coldtown di Holly Black

Titolo: I segreti di Coldtown
Autore: Holly Black
Editore: Mondadori


Questo romanzo l'ho letto in un pomeriggio, mi ha preso tantissimo ho visto uno scenario nuovo associato ai vampiri e non potevo esserne più contenta. Un urban fantasy che si avvicina al distopico e che non mi ha mai annoiato. Una rivelazione!

Ho immaginato scene alla The waking dead e alla Hunger Games, qualcosa mi richiama Intervista col vampiro e poi, non so, ho intravisto qualcosa di fiabesco e horror... insomma questo libro per me è stato" tanta roba"!

La protagonista, Tana, cresce con l'evolversi delle situazioni e devo dire che è una delle poche "prime donne" che mi piace. Non è la classica eroina, o la sfigata di turno, è una liceale veramente comune, con pregi e difetti. Tutti i personaggi sono particolari e affascinanti, l'autrice ha creato un bouquet molto vario e non mancano i colpi di scena. Non c'è il perfetto, non c'è la pecora nera, ma ci sono tante sfaccettature. Per quanto riguarda i vampiri sono misteriosi, entità non ben definite che sembrano essere generate da un virus. Tra l'umano e il predatore, tra sanità e follia, questo mito all'interno di I segreti di coldtown è trattato alla perfezione.  Nel dettaglio, Gavriel il "super vampiro relativamente buono" ha un fascino oscuro, incute timore ma allo stesso tempo attira a sè come una calamita. Un ottimo vampiro secondo i miei gusti.

La trama non è semplice da commentare, ci sono tante fasi, tanti elementi e tante aspettative che tengono il lettore attaccato al romanzo. Si parte da una strage, si prosegue per la sopravvivenza e poi si giunge alla vendetta e a un amore che non invade mai troppo lo scenario, è presente quel tanto che basta per far sognare e sospirare. Tutto è dosato con oculatezza.

L'idea di città-prigione dove tenere vampiri e seguaci. Differenze tra vampiri antichi e moderni. Epidemie di vampirismo che hanno dato vita alle Coldtown. Elementi classici che vengono riutilizzati e adattati. E poi c'è quel pizzico di rude romanticismo, quella stuzzicante associazione tra erotico e sangue che completa il tutto. Che volere di più?

Il narrato è in terza persona eppure ci si sente vicino a tutti i personaggi. Il tempo salta dal presente al passato e ci dà una visione più vasta di alcuni personaggi. Lo stile è scorrevole le descrizioni incisive e efficaci.

Il finale è aperto e ogni lettore può tirare le proprie conclusione.

Da lettrice non ho trovato un difetto a questo romanzo, sono rimasta davvero soddisfatta.
Il voto per me è massimo e anche con lode.


❤❤ 

TRAMA
Ti svegli la mattina dopo una festa: sei stesa in una vasca da bagno, la tenda tirata, intorno un profondo silenzio. Gli altri staranno ancora dormendo? Quando ti alzi e giri di stanza in stanza, scopri che durante la notte è successo qualcosa di tremendo. Legato a una sedia, trovi un misterioso ragazzo dagli occhi rossi. Vicino a lui, vivo e ammanettato, c'è Aidan, il tuo ex: appena provi a liberarlo, ti assale in preda a una fame atavica. Tutto questo non è normale, neppure se ti chiami Tana e sei nata in un mondo molto simile al nostro, un mondo in cui le persone si trasformano in mostri assetati di sangue e vivono confinati nelle Coldtown. Li chiami vampiri, ma potrebbero avere anche altri nomi. Molti di loro sono celebrità, li trovi ogni sera in televisione: tutti i canali trasmettono in diretta le loro feste più trasgressive. Ora non puoi più evitarli, e hai solo ottantotto giorni per salvarti: ma a quanto sei disposta a rinunciare per tenere in vita ciò che non vuoi perdere?
 photo signature_1_zpsb460c04b.gif

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ