social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

GIVEAWAY 2 ----------------------> GIVEAWAY 3
 https://i.pinimg.com/originals/77/52/e3/7752e3c1d0acacfdf7c542dde216e0b1.jpghttps://i.pinimg.com/originals/ae/64/55/ae64553247c40117076a8a8eb97ea8dd.jpg

13 settembre 2013

RECENSIONE - Gli zombie non piangono di Rusty Fischer


Titolo: Gli zombie non piangono 
Autore: Rusty Fischer 
Editore: Giunti

Questo è un libro che ho comprato per scherzo. Non amo particolarmente gli zombie dopo aver visto il film “Warm bodies” ma questo mi ha piacevolmente colpita. Primo volume di una duologia, è simpatico, leggero, e scorre che è una meraviglia anche grazie al fatto che il libro ha un formato pocket ed è scritto con un font non troppo piccolo. Gli zombie non piangono è un piacevole miscuglio di azione, amicizia, amore e senso di responsabilità. Non è un romanzo adatto a pubblico adulto e troppo esigente, ma a chi è alla ricerca di una storia un po’ demenziale che ti lasci un sorriso sulle labbra. Si legge in un battito di ciglia e diverte senza affaticare troppo il cervello. Maddy è una ragazza ordinaria che vive all’ombra della sua migliore amica Hazel, la tipica reginetta del ballo. La sua vita scorre via tra la noia fino a quando nella sua scuola non si trasferisce un nuovo ragazzo, Stamp, il quale nota subito la nostra protagonista. Maddy, invitata ad una festa proprio da Stamp, infrange le regole del coprifuoco impostole da suo padre ed esce di casa per andare alla festa ma, durante il tragitto, scoppia un temporale e la povera Maddy viene colpita da un fulmine. Qualche ora dopo si risveglia immersa con la faccia dentro una pozzanghera e con un grosso buco fumante in testa. Tornata a casa, si fionda su internet e dopo varie ricerche scopre di essere uno zombie. È qui che ha inizio la vera storia di Maddy che, grazie a questa sua nuova trasformazione si rende conto di non essere l’unica non-morta della città e si accorge che essere uno zombie non è così semplice come potrebbe sembrare. Una lettura che mi è piaciuta molto e non vedo l’ora di leggere il secondo volume che sono sicura non mi deluderà, così come Gli zombie non piangono, che è stata una grande sorpresa. 

By Luce


TRAMA
Maddy Swift è una studentessa normalissima e un po' imbranata, frequenta il liceo della tranquilla cittadina di Barracuda Bay e ha una cotta per il nuovo ragazzo della scuola. La sera in cui Stamp finalmente la invita a una festa è anche quella in cui la sua vita cambierà per sempre. Perché è il suo primo fantastico appuntamento? Non esattamente. Quando Maddy, tutta agghindata, esce di casa, fuori piove a dirotto. Non trova la strada per raggiungere la festa e proprio quando crede di essere arrivata a destinazione viene colpita in pieno da un fulmine. Al risveglio, si trova con la faccia in una pozzanghera, stordita e completamente inzaccherata. Ma il fango è l'ultimo dei suoi problemi. Sono quel buco fumante sulla testa, il cuore che non batte più e i polmoni che non funzionano a farle sorgere qualche sospetto. Scopre con raccapriccio di essersi trasformata in una delle creature che più la spaventano: una morta vivente. E che la sua urgenza più impellente è mangiare immediatamente un cervello fresco, se vuole evitare il poco attraente processo di putrefazione. Aiutata da due compagni zombi, Maddy non solo imparerà a gestire la sua nuova identità, ma anche a difendere se stessa, il suo amore e tutta Barracuda Bay dallo Zombi Armageddon. Un'esilarante commedia horror che rivisita tutti i triti stereotipi sugli zombi.
 photo signature_2_zps7542c0a8.gif

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ